Utente 270XXX
Gentilissimi dottori, vi pongo un quesito.....
tra i vari farmaci che servono come paliativo contro la disfunzione erettile ho sentito parlare del prostaglandine intrauretrali, volevo chiedere se sono utili e forse meno rischiose delle ignezioni itracavernose..
nel mio caso l'erezione ottenuta con il cialis 20 è poco consitente, il pene è sempre di consistenza gommosa ed il glande è completamente flaccido, non ha nessuna tumescenza cosi come la parte superiroe del pene si flette con facilità anche se cmq con l'ausilio del cialis l'erezione è più facile da mantere anche a eiaculazione avvenuta, il pene resta rigido anzi il glande sembra irrigidirsi..
Detto questo vedo che sono mole le persone che hanno il problema del glande molle cioè un glande che resta flaccido anche al tocco e che si flette facilmente, il muse risolverebbe questo probelema ?? perchè a quanto pare gli inbitori della pe5 non hanno effetto su di esse grazie della corstese attenzione!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il deficit erettile ha cause circolatorie, ormonali, prostaiche, neurologiche, metaboliche e psicogene. Trovata la causa si agisce su quella, eppoi se non basta o se ci aspetta che non basti si somministrano farmaci quali quello che lei sta ssumento, poichè se non si agisce così l' efficacia è queòllo che è. Consulti collega attento.