Utente 284XXX
buongiorno,
sono una ragazza di 21 anni e vivo da tre mesi all'estero... fino a due settimane fa, nonostante una vita molto sregolata, sono stata benissimo, stanca ogni tanto ma senza alcun tipo di problema, eppure da due settimane a questa parte faccio fatica a reggermi in piedi, soffro di continui giramenti di testa e di cali di pressione... in passato ho sofferto di anoressia e di bulimia ma mi sto curando da quasi un anno e, a parte qualche rara eccezione legata al vomito, ho una alimentazione pressochè normale... mangio poco, ma non salto pasti e cerco di mangiare un pò di tutto... ho sofferto per molto tempo di attacchi di panico e a gennaio ho iniziato una cura con uno psichiatra che aveva iniziato a farmi prendere lo zoloft ma tre mesi fa, sentendomi serena e tranquilla ho deciso di smettere... non nego di essere un pò ipocondriaca ma questa situazione in cui mi ritrovo in questo momento mi spaventa moltissimo e vorrei cercare di capire da cosa sia dovuta... anche solo passeggiare mi è difficilissimo, mi sento cadere e mi tremano le gambe... in alcuni momenti della giornata mi sento confusa, mi si offusca quasi la vita e ho la sensazione che non mi arrivi aria alla testa... perfino ridere mi affatica... in questi giorni bevo moltissimo e mangio un pò di più, ho aumentato l'apporto di sale e zucchero e prendo tutte le mattine e tutte le sere del polse eppure invece che migliorare la situazione va sempre peggiorando... sono preoccupata soprattutto perchè tra due settimane devo partire per la spagna e vorrei riuscire a stare meglio per potermi godere il viaggio in tranquillità... da cosa può essere dovuto? cosa posso fare?
[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il cuore con alta probabilità (se non quasi con matematica certezza) è da escludere tra le cause dei suoi disturbi. Il consiglio che mi sento di darle e di rivolgersi nuovamente e al più presto dal suo psichiatra di fiducia che probabilmente le prescriverà dinuovo la terapia che lei ha spontaneamente sospeso.
Cordialità