tac  pet  
 
Utente 154XXX
Salve Gentili dottori scrivo a nome di mio Padre che ha 65 anni ed e' un forte fumatore(40 anni di fumo) che ha smesso solo 3 mesi fa'.
A seguito di una Bronchite fortissima ed esiti di Pleurite Calcificata che gli e' stata Diagnosticata da visitia Pneumologica gli viene consigliata TAC che ha effettuato senza mezzo di contrasto con il seguente responso che segue:
A destra ispessimento del Piano pleurico con visibilita' di rilevature focali di buona densita' in parte calcifiche a margini lievemente ondulati nei confronti del parenchima adiacente omolateralmente in sede lombare superiore.grossolani reliquati fibrocalcifichi con esiti fibrotici e strie di distelectasia. Piu' piccoli reliquati fibro calcifichi si osservano anche in sede lombare superiore sinistra.a Destra in medio campo polmonare visibilita' di piccolo nodulo(diametro circa 5mm) da ricontrollare.Tumefazioni linfonodali millimetriche a livello della loggia di barety della finestra aorto polmonare e al davanti della biforcazione.
La cura che gli e' stata prescritta prevede l'uso di basilix e serenade e da ricontrollare il nodulo con stessa tac allo stesso centro fra tre mesi, ma che il nodulo non superando i 5 mm non ce' da fare biopsia x ora.
Aggiungo che mio Padre soffre di pressione alta ed e' lievemente obeso e non pratica tanto movimento oltre ad avere avuto da tanti anni, episodi di apnea notturna e di deviazione setto nasale con polipi mai operati e con russamento notturno.
Ora si e' deciso a non fumare piu' anche se comnuque meglio tardi che mai, e dice di sentirsi senza forze e con poca voce da quando ha smesso di fumare ma molto meglio di un mese quando ebbe questa forte bronchite.
Dopo tre mesi cioe' la settimana scorsa ha eseguito sotto controllo e indirizzo del Pneumologo che lo segue un Esame Pet al posto della Tac in quanto da markers tumorali effettuati 2 mesi fa' risultava solo l'antigene carcino embrionario CEA metodica EIA 4,6 e i valori di riferimento del laboratorio sono 00,30, quindi il pneumologo ha ritenuto opportuno una PET e di sotto elenco il referto a distanza di 3 mesi dalla prima TAC.
INDAGINE PET EVIDENZIA:modico accumulo del tracciante a livello del lobo medio del polmone destro(SUV bw max 1,6) in corrispondenza di una piccola formazione nodulare evidente nelle immagini di coregistrazione TAC si evidenzia inoltre area di accumulo del tracciante a livello della fossa iliaca sinistra(SUV bw max 4.7) di verosimile pertinenza intestinale compatibile anche con captazione aspecifica.A giudizio del clinico approfondimento diagnostico si evidenzia infine accumulo del tracciante in prossimita' della parete addominale postero laterale sinistra compatibile con captazione in milza accessoria(SUV bw max 1,6)
Non si evidenziano aree di significativo iperaccumulo del tracciante a livello dei restanti segmenti corporei esaminati.
Ci potreste aiutare a contestualizzare il tutto e a capire a cosa siamo di fronte e quali esami possono essere utili?
Grazie per l'attenzione
[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri
32% attività
16% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
La TAC riporta dei reperti meritevoli di un controllo nel tempo. Da quanto ho capito si tratta di una TC solo del torace. La PET dopo tre mesi non ha mostrato aree decisamente sospette nel torace, tuttavia indica una serie di reperti da verificare a livello addominale. In genere davanti a questi casi si ripete la TAC per valutare, in confronto dimensionale, i reperti toracici precedenti, estendendola anche all'addome per cercare un correlato morfologico ai reperti PET e poi, se necessario, si eseguono esami endoscopici.
Cordiali Saluti
[#2] dopo  
154710

dal 2018
Grazie Dottore per la risposta

Aggiungo che l'Iter da Lei prospettato al momento e' stato consigliato dal Medico Pneumologo che lo segue, infatti visitando le immagini del Ultimo Esame Pet e messo a confronto con la precedente Tac, i sospetti e gli ulteriori accertamenti si sono diretti a livello ADDOMINALE e sempre dalle imamgini si evince una area sospetta all'altezza della Milza.Dalla storia clinica di Mio padre emerge che pochi anni fa' ebbe una caduta ed ebbe problemi all'addome con un leggero schiacciamento e quindi anche sotto al consiglio del Pneumologo che la Milza potrebbe e in parte sembra gia' cosi' dalle immagini come se avesse un pezzo in piu' e schiacciata,si riferisce che potrebbe essere anche nato cosi' comunque e ripeto gli e' stata consigliata una COLONSCOPIA che a breve la eseguira'.Appena abbiamo ulteriori approfondimenti la terro' aggiornata.

Grazie dell'intervento