Utente 824XXX
+Tutto sulla celiachia
Gentili dottori buona sera,
ho appena ricevuto parte dei risultati delle analisi del sangue effettuate stamattina.
Precisamente l'esame della Vitamina D porta come risultato "minore di 4 NG/ML" in una scala da 7.5 a 41 NG/ML e il calcio ha un risultato di 9.2 mg/dl in una scala da 8.5 a 10.1 mg/dl.

La ginecologa mi ha prescritto queste analisi poiché sono molto magra pur mangiando normalmente (tranne la carne che non mangio per nulla)

Sono in attesa dei risultati del test sulla celiachia.
Da cosa puó derivare questa carenza di Vitamina D?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

una carenza di questa vitamina può dipendere sia da una scarsa esposizione al sole che da un insufficiente apporto attraverso alcuni alimenti, come potrà leggere di seguito

http://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/1003-vitamine.html


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la cortese risposta.
Ho letto il contenuto al link da lei riportato e, tutto sommato, la mia dieta comprende quegli alimenti.
Per il sole essendo inverno mi è impossibile prenderne ed inoltre mi sono accorta che il fondotinta che utilizzo ha il fattore di protezione solare (15).

Solitamente quali ulteriori indagini si consiglia di eseguire in presenza di una carenza simile?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

in stati carenziali di Vit. D di una certa entità è consigliabile effettuare indagini a carico del fegato e dei reni, poichè un'alterata funzionalità di questi organi per cause diverse può compromettere il suo equilibrio nell'organismo.

Non deve sottovalutare, comunque, tra le cause più frequenti un regime dietetico ipocalorico e protratto per lunghi periodi.


Cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Grazie nuovamente.
Ad agosto ho eseguito una gestroscopia che ha evidenziato una forte presenza di bile nello stomaco (oltre all'Helicobacter ed alla gastrite).

Successivamente il gastroenterologo mi ha consigliato una ecografia all'addome che non ha evidenziato nulla di strano, nemmeno a carico del fegato.

Volendo esaminare lo stato di salute di fegato e reni, quali valori del sangue dovrei esaminare?

Grazie
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Di nulla!

Intanto, un controllo degli indici epatici e renali in prima battuta.

Possono essere prescritti dal Suo Curante.


Buona serata.
[#6] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Allora attendo gli altri risultati e chiedo di esaminare gli indici da lei citati.

Grazie per la gentilezza e buona serata a lei.
[#7] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore,
sono stata dal mio medico curante che mi ha prescritto, dietro mia indicazione, i seguenti esami:

- Emocromo completo
- Azotemia
- Sideremia
- Bilirubinemia
- FT3
- FT4
- TSH
- Esame urine

Sono sufficienti per capire da cosa derivi la carenza di Vitamina D oppure sarebbe opportuno aggiungere altro?

Ad oggi non ho ancora ricevuto i risultati delle anti-transglutaminasi e anti-endomisio.

Grazie
[#8] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

gli esami prescritti non mirano ad evidenziare eventuali cause per stati carenziali di Vit. D .

Per un ampliamento ne parli col collega Curante.


Cordialmente.

[#9] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della risposta.

Quegli esami me li ha prescritti il medico curante a cui ho fatto presente la carenza di Vitamina D, io gli ho semplicemente fatto presente che volevo approfondire lo stato di salute di reni e fegato.

Lei cosa mi potrebbe consigliare?
[#10] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

purtroppo Medicitalia.it propone contenuti a solo scopo informativo e che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante

http://www.medicitalia.it/02it/guida-consulti.asp


Ritorni dal Curante e gli spieghi meglio quali sono le Sue necessità in merito al controllo ematochimico.


Buon pomeriggio.
[#11] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la risposta.

Ovviamente non intendevo chiedere una prescrizione a distanza, ma una semplice indicazione da dare al mio medico curante verso cui, forse si sarà capito, non nutro particolare stima.

Volevo soddisfare una mia curiosità... cambiando laboratorio analisi potrebbero verificarsi esiti diversi oppure posso tranquillamente eseguire eventuali nuovi esami in un altro laboratorio (quello in cuo ho effettuato i precedenti esami si trova lontano da casa mia)?

Grazie


[#12] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore, dovendo rifare le analisi del sangue, quanto occorre aspettare dopo il ciclo mestruale per non avere alterazioni significative dei valori del ferro (anche considerando che non mangio carne)?

Grazie
[#13] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gentilissima,

rispondo ai Suoi due ultimi post.

Può effettuare tutti gli esami che vuole presso qualsiasi Laboratorio di analisi cliniche di Sua fiducia e convenzionato col SSN.

È sempre consigliabile effettuare il prelievo venoso almeno una settimana dopo l' ultimo giorno del ciclo.


Cordialmente.
[#14] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Gentile dottore,
la ringrazio molto per le delucidazioni e per la sua estrema cortesia.
[#15] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Si figuri!

Alla prossima e...buon week end.
[#16] dopo  
Utente 824XXX

Iscritto dal 2008
Buogiorno gentili dottori,
assumo il Dibase (da 10.000 U.I./ml gocce orali) da un paio di anni (tranne i mesi estivi).

Dalle ultime analisi fatte è risultata alta (43 NG/ML ).

Così il medico mi ha consigliato di ridurre il numero di gocce da assumere, da 25 a 20 a settimana.
Va bene come dosaggio oppure dovrei scendere ulteriormente?

Inoltre il medico ha sbagliato a prescrivermi il dosaggio (me ne sono accorta solo dopo averlo acquistato) e mi ha prescritto il Dibase da 25.000 U.I./ml soluzione orale.

Posso fare una semplice proporzione per saper quante gocce assumere?
Grazie

Inoltre
[#17] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Se c'è stato un errore farebbe bene a segnalarlo al Suo medico. Così facendo gli permetterà di decidere se rifare una nuova prescrizione o adeguare la posologia al prodotto già acquistato.


Prego.