Utente 121XXX
Buongiorno, vi scrivo per chiedere una opinione.

Da quasi 2 mesi, mia mamma (donna di 65 anni) ha cambiato terapia anti-ipertensiva passando ad un farmaco composto da Enalapril melato / lercanidipina cloridrato 20mg./10mg.
Contestualmente all'inizio dell'assunzione del farmato nota un restringimento delle gengive con sanguinamento e fastidio (piorrea) e teme che la causa possa essere riconducibile al farmaco.

Chiedevo se per caso nella vostra esperienza abbiate mai avuto un sismile tipo di reazione avversa a questi principi attivi oppure se secondo la vostra opinione le due cose possono essere del tutto scollegate.

Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
A mio giudizio le due cose non sono in rapporto tra loro. Ovviamente il problema gengivale và affrontato da uno specialista.
Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Intervengo nel consulto per segnalare che, sia pur estremamente di rado, può capitare che farmaci appartenenti alla categoria della lercanidipina possano causare problemi gengivali, i quali potrebbero facilmente andare incontro ad infiammazione, provocando sintomi simili a quelli da Lei riportati.
Confermo quindi il consiglio del collega Rillo di rivolgersi ad un odontoiatra per una valutazione "dal vivo", facendogli presente la terapia seguita da Sua madre.
Nel frattempo, NON sospenda di sua iniziativa la terapia in corso!
Cordiali saluti