Utente 949XXX
Gentilissimi sono un uomo di 49 anni, da due anni a questa parte ho avuto tre episodi di allergia che mi si è manifestata con prurito generale e l'insorgenza di ponfi dietro le orecchie e altri in varie parti del corpo, episodi isolati e ogni volta insorti dopo aver ingerito alimenti diversi. Ho tamponato prendendo del cortisone orale e la cosa sembrava essere sotto controllo. L'altra sera invece , sempre mentre stavo cenando, ho avuto il solito prurito e l'insorgenza di ponfi di notevoli dimesioni dietro le orecchie e in tutto il corpo. ho preso una pastiglia di bentelan da 1, dopo circa 15 /20 minuti vedendo che i fastidi erano in aumento (chiazze rosse e prurito/ bruciore in tutto il corpo) ne ho preso un'altra sempre da 1 ma nulla anzi peggioravo sempre di più avevo sudorazione eccessiva e difficoltà a parlare la pressione era 80 su 40 e mi sono sentito mancare le forze. Sono stato accompagnato al pronto soccorso dove mi hanno fatto ancora del cortisone e antistaminici fino alla scomparsa dei ponfi e del rossore. Mi hanno consigliato di fare i test allergici e consultare al più presto un allergologo per farmi seguire. Io da allora sono già passati due giorni ho ancora un senso di nausea e mi sento debole , principalmente se sto in piedi . Cosa potete consigliarmi? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
è evidente che debba essere fatta chiarezza su quanto accaduto: deve semplicemente seguire il consiglio dei colleghi e trovare un bravo allergologo.
Le manifestazioni descritte sono compatibili con la reazione allergica; resta il dubbio su quale/i alimento/i possa/no essere responsabili di questi episodi: Lei dice che si è trattato dell'esposizione ad «alimenti diversi», ma forse qualcosa Le sfugge.
Cerchi di ricordare quanti più dettagli possibile (veda a questo proposito anche http://www.medicitalia.it/minforma/allergologia-e-immunologia/1092-prepararsi-visita-allergologica.html ) in modo da riferirli al collega per aiutarlo ad indirizzare il percorso diagnostico.
In attesa della visita - che dovrebbe essere eseguita in regime prioritario - dovrebbe avere a disposizione una terapia adeguata a trattare eventuali nuovi episodi.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 949XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dottore della risposta, proprio oggi ho consultato un allergologo il quale mi ha dato una cura per un mese così composta: zirtec 10mg una compressa al mattino, zaditen 2mg i compressa la sera e nalcrom 250mg tre bustina al giorno prima dei pasto principali. Mi ha detto che dopo un mese inizieremo a fare i test allergici e proprio come lei mi ha detto mi ha chiesto di cercare di ricordare quanto il più possibile gli alimenti ingeriti almeno negli ultimi due episodi; poi mi ha consigliato di portare sempre con me una fiala di bentelan da fare ai primi sintomi di un eventuale nuovo episodio. Vorrei sapere al riguardo la sua opinione e ringraziarla ancora per la sua risposta.