Utente 295XXX
- Precedenti malattie/storia clinica: Nel 1985 ho incontrato l'osteosarcoma al perone dx. Metodo di guarigione : chirurgia con asportazione parte del perone e asportazione dell SPE. Da circatrentanni anni , cammino con piede equino. Nel 2011 e nel 2012 ho affrontato pr ben due vole lachirurgia detta "Transfer Tibialis" con esito negativo. Il Piede quindi è rimasto praticamente attrofizzato e mal cresciuto , con dolori quotidiani , calli atroci e in giornate di freddo , meglio "correre". Riporto una cicatrice di circa 50cm lungo la gamba dx con 29punti di sutura e due cicatrici al piede con un'infezione in corso da circa 2 anni e mezzo. Questa problematica , mi ha portato ad un disquilibrio del bacino , alla rottura parziale della testa del femore di sx "gamba d'appoggio" (mi siblocca durante la notte e er sbloccarla , devo utilizzre le mani - dolore , anche durante la giornata) ed a calcificazioni dei menischi e dei legamenti. Ho la vertebra D12 malformata , la vertebra L5-S1 schiacciata ed un ernia ad un disco (la schiena , mi si blocca spesso quando dormo , il risveglio è un sacrificio). Ho i tendini delle spalle lesionati e consigliabile non operare. Ho anche subito uno strappo violento ad un avvambraccio (1,5 x 3 cm). Le domande che spesso mi pongo , sono quelle di che futuro posso avere senza un lavoro per tenermi curato e senza un' indennità d'invalidità che possa aiutarm. Sicuramente invecchiando peggiorerò , anche se ho ancora 36 anni , ma credetemi è molto faticoso .Ho anche alcune costole rotte , nturalmente già aggiustate , ma una in particolare , ogni tanto , fa male (rotture dovute a cudute).
Il mio consulto di richiesta è quello di un medico che possa farmi una valutazione in percentuale d'invalidità , un possibile aiuto per avere la possibilità di una indnnità in attesa di un lavoro e qualche consiglio per avvertire meno i dolori.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
12% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

Le suggerisco di presentare (se non l'ha già fatto) di presentare la domanda d'invalidità civile e di Legge 68 (per il collocamento lavorativo mirato degli invalidi), così qualora la commissione le riconosca almeno il 46% potra iscriversi nelle liste speciali per un lavoro protetto. Per eventuali benefici economici , a mio parere, non dovrebbe raggiungere il 75%.
[#2] dopo  
Utente 295XXX

Iscritto dal 2013
Salve Dr. Maurizo Golia ,
la ringrazio tantissimo per la sua risposta e visto che lei ha preso in visione la mia richiesta di consulto , le vorrei chidere un ultima cosa :
secondo lei , che percentuale potrei raggiungere (all'incirca)?

Grazie mille ancora.
Cordiali saluti da 295590.