Utente 214XXX
Gentili medici ho sofferto a lungo di dolori lancinanti ai testicoli che sono riuscito a risolvere(quasi del tutto) grazie all'aiuto di un bravo andrologo. Il mio problema era legato essenzialmente ad una forte epididimite destra e ad una infiammazione della prostata . Questi problemi me li sono procurati praticando una masturbazione frequente e soprattutto ritardando l'eiaculazione talvolta anche di diverse ore.
Il medico oltre a prescrivermi una terapia farmacologica mirata mi consigliò di adottare degli stratagemmi per lenire la sensazione di dolore quali fare dei bagni caldi e rilassare la muscolatura in maniera simile a l'esplorazione rettale digitale praticata a visita .

In passato è successo che a volte abbia un po esagerato utilizzando dell'acqua molto calda quasi per anestetizzare la parte quando avvertivo del dolore.Può questa pratica causare dei danni alla spermiogenesi ed eventualmente anche al sistema venoso?Ho fatto in passato delle ecografie dalle quali si evidenziava una forte epididimite ma mai il varicocele.La masturbazione intensa ,il ritardare l'eiaculazione possono causare dei problemi al plesso pampiniforme?

Al di là del fatto di non fare queste sciocchezze vorrei sapere se tecnicamente ritardando l'eiaculazione oppure forzare un'erezione spingendo sangue verso il glande come si fa nel jelquing possano danneggiare le vene e quindi causare un varicocele.


Nel ringraziarvi per la disponibilità vi porgo i miei piu cordiali saluti in attesa delle vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in alcuna maniera gli esercizi citati,nonchè la forzata aneiaculazione,possono dar luogo ad un varicocele,malattia delle vene,mentre,come sa,possono causare uno stato flogistico congestiono delle vie seminali..Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 214XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio il dottor Izzo per la risposta e approfitto per chiedere altri chiarimenti in merito.
La congestione delle vie seminali ,infiammazioni della prostata ,epididimiti che effetto hanno su parametri quali la morfologia degli spermatozoi e in generale dulla fertilità di un soggetto,possono comprometterla anche in maniera seria se perdurano?

Il medico insisteva molto sull'attività sessuale sulla necessità di praticare un'attività sessuale regolare e alla mia domanda se vi fossero delle controindicazioni alla pratica di attività sportive che provocano un aumento della pressione endoaddominale mi rispose che la pressione endoaddominale non ha nulla a che vedere con il pavimento pelvico e che quindi non ve ne fossero.
All'epoca in cui i dolori ai testicoli erano insopportabili sospesi i miei allenamenti in palestra (non alzavo pesi ma facevo trazioni alla sbarra,piegamenti sulle braccia e qualche volta solo lavoravo con i manubri).Erano dolori molto forti che partivano dal testicolo destro e s'irradiavano lungo la coscia, era una sensazione terribile,non riuscivo a tenere le cosce chiuse quando ero seduto, ora non ho piu questi problemi eccetto qualche fastidio quando sto seduto a lungo ma sono terrorizzato dall'idea che compiere sforzi possa causarmi dei problemi al sistema venoso.
Come posso conciliare la voglia di tenermi in forma e di avere un fisico tonico con lo stato di salute del sistema urogenitale?Davvero compiere trazioni alla sbarra,addominali e piegamenti possono causare il varicocele?
C'è un'attività sportiva meno "rischiosa" in grado di regalare un fisico tonico?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
....il varicocele si manifesta nel periodo post-puberale che,mi sembra,abbia abbondantemente superato...
Le contrazioni puberali possono dar luogo a risentimenti pubalgici e/o erniari,che si manifestano con la sintomatologia riferita.Si tranquillizzi.Cordialità.