Utente 303XXX
Buonasera gentilissimi medici,
vorrei proporvi la mia situazione, per l quale mi sto ponendo dei quesiti. Spero che abbiate la pazienza di leggerla.
E' iniziato tutto col problema di alzarmi una volte a notte per andare a urinare. Per questo motivo mi sono fatto vedere da 2 urologi. Entrambi non hanno trovato alcunchè, il secondo una leggerissima prostatite e una piccola cisti all'epididimo sx. Diciamo che il problema non è scomparso, quindi mi sono fatto visitare da un prof andrologo, il quale mi ha diagnosticato una bella prostatite e un sospetto varicocele al testicolo sx. Dopodichè sempre sotto consiglio del prof mi sono sottoposto al ecocolordoppler che ha evidenziato a carico del funicolo spermatico di sx piccole ectasie venose, del calibro di alcuni mm, che sotto la manovra di Valsava incrementano in parte il loro diametro. all'eco-color doppler si evidenziano deboli segni reflussivi in parte dei vasi di campionamento, come si rileva nelle condizioni di varicocele di basso grado.
Per via della prostatite non ho potuto effettuare lo spermiogramma, diciamo che la situazione andava peggiorando: bevevo tantissimo sia perchè consigliatomi per ovviare alla prostatite sia per una cura omeopatica. Il mio lavoro (sto sul portavalori) non mi consente di andare in bagno ogni qualvolta lo desideri, quindi mi è capitato spesso di trattenere l'urina. Tutto questo ha contribuito a peggiorare il quadro, infatti la prostatite è ancora lì, e ora ho dei frequenti fastidi/dolori ai testicoli.
L'ultimo andrologo che mi ha in cura, mi disse, che i miei dolori testicolari sono in parte da attribuire alla prostatite, anche se c'è il dubbio che siano dovuti al varicocele, perchè ultimamente i dolori si presentano dopo sforzi fisici, a volte durano anche per giorni. Ora ho comunque dei fastidioli a volte su un testicolo a volte su tutti e due. Sono in attesa di fare lo spermiogramma. Mi chiedo se esista una causa che ha scatenato il varicocele, in rete trovo opinioni discordanti:
http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/12014-cause_delle_varicocele.html dott. tebala dice che è congenito
http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/36729-varicocele_e_fitness_pesi.html dott. prudenzano dice che esistono della cause.
il trattenere l'urina può essere una causa scatenante o comunque una concausa???
pratico atletica leggera, mezzofondo e fondo, ci sono controindicazioni con il varicocele?
Cosa mi consigliate per cercare di venirne fuori da questo problema?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il varicocele ha la diffusione delle emorroidi e la causa di entrambi va trovata nella stazione eretta.Se vivessimo in orizzontale,non ne soffriremmo.Va da se che alla base c'è una predisposizione alla flebopatia ma,da qui a collegare la prostatite al varicocele come causa/effetto...ce ne corre.Mi meraviglio,comunque,come non abbia ancora eseguito uno spermiogramma con coltura che,a mio avviso,è il parametro più indicativo al fine di dare un giudizio prognostico.Se i dolori ai testicoli sono insopportabili,una verifica del quadro diagnostico si impone,da parte di un esperto ed aggiornato andrologo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 303XXX

Iscritto dal 2013
Dr. Izzo la ringrazio per la sua risposta. Lo spermiogramma ero in attesa di farlo, ma proprio per la questione della prostatite il mio andrologo mi ha detto di temporeggiare, comunque lo dovrei fare la settimana prossima. Il dolore ai testicoli a volte è davvero insopportabile, ad entrambi i testicoli, non solo quello colpito da varicocele. Sembra che i mesi in cui mi è capitato di trattenere l'urina abbiano inciso negativamente sul quadro. Infine secondo lei potrei continuare a praticare atletica??
la ringrazio
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'apparato si definisce uro-genitale quindi il nesso con problema minzionale ci potrebbe essere ma,avendolo escluso lo specialista diretto ,tenderei,quantomeno,a ridimensionarlo.Proprio l'atletica,con risentimenti pubalgici e/o microerniari,può indurre la sintomatologia pelvico-scrotale riferita,ma non consiglierei l'astensione dall'esercizio fisico,propro per arrivare ad una più corretta definizione diagnostica.In parole povere,più che al varicocele,penserei alla patogenese neuro-muscolare.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

è sempre difficile discriminare i diturbi genitali determinati dal varicocele ( se concretamente esiste) e da una "presunta" prostatite.
nella mia lunga esperienza di andrologo chirurgo, dopo aver visitato ed operato svariate migliai di paziente affetti da varicocele, solo raramente ho visto piccoli varicoceli dare rilevanti fastidi
Il discorso pù essere diverso per la fertilità, anche piccoli varicoceli, con reflusso alterato potrebbero disturbare la qualità dello sperma.
La prostatie ha dei degni ben precisi, anche se molti colleghi tendono a definire come "prostatite" (cosa assolutamente difficile da negare da parte del paziente stesso o di altri medici) una serie di disturbi che, magara, con la prostata hanno poco da dividere.
Un esame del liquido seminale comunque va fatto, sia per lo spermiogramma che per la spermiocoltura.
Un secondo parere potrebbe sembrare opportuno
Cari saluti