Utente 304XXX
Buonasera, volevo avere delle informazioni utili, riguardo ad un'operazione di legamento crociato anteriore con anestesia generale.
Dovrò sottoparmi ad un'operazione di legamento crociato anteriore, ma soffrendo di claustrofobia, al solo pensiero di entrare in una sala operatori, mi vengono attacchi d'ansia e di panico. Volevo quindi sapere, se esiste la possibilità di fare una SEDAZIONE PROFONDA prima di accedere alla sala operatoria, così da non rendermi conto del passaggio dalla salla preparatoria a quella operatoria, e poi procedere con un'anestesia generale.

Ringrazio chi mi potrà rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buongiorno, immagino sia per quel motivo che il suo intervento voglia effettuarlo in anestesia generale e non invece nel più classico blocco centrale (Spinale) che può essere considerato tipico per il suo problema. Comunque può tranquillamente essere fatta una buona sedazione sia nella premedicazione effettuata in camera almeno un ora prima di accedere in sala operatoria, ma anche in pre-sala da parte del collega anestesista. Importante che lei lo richieda quando effettuerà la prevista visita preoperatoria anestesiologica. Cordialità
[#2] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno, si, esatto, vorrei poterlo fare in anestesia generale, proprio per il problema di claustrofobia. Se con le sedazioni, fossi sicuro al 100% di non avere attacchi di panico, potrei fare anche l'anestesia locale, ma questo penso non ci sia nessuno in gradi di garantirlo.

Saluti.
[#3] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Volevo sapere anche un'altra informazione: quanto tempo passerà dall'entrata in sala operatoria all'inizio dell'anestesia? Mi legheranno mani e piedi al lettino mentre sono ancora sveglio?

Saluti.
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buongiorno, se il problema dell'ansia è legato solo alla claustrofobia ritengo personalmente che una buona premedicazione-sedazione permetterebbe di farlo in anestesia spinale. Un' eventuale spiacevole crisi potrebbe essere trattata con narcosi in respiro spontaneo se ciò desse problemi all'operatore chirurgo. Generalmente il tempo dall'ingresso all'induzione anestesiologica è di pochi minuti. Può chiedere al personale di assicurarla al lettino subito dopo l'induzione, però è una procedura di sicurezza che impedisce improvvisi movimenti del paziente che potrebbero creare imprevisti danni a gambe e braccia se si verificassero durante anestesia.
Saluti
[#5] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Non capisco se mi assicurano al lettino oppure no, ed eventualmente quando lo fanno. Se possibile, preferisco la totale, perché non ritengo molto piacevole vedere o sentire qualcuno che lavora sulla mia gamba e magari fai dei fori con il trapano per fermare i legamenti al femore.
Se fosse possibile, chiederei di arrivare in sala operatoria il più possibile sedato, addormentato sarebbe ancora meglio ma credo sia impossibile.
[#6] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Si generalmente il paziente viene assicurato al lettino per i motivi sopraesposti prima di essere addormentato.
Lecita la richiesta di arrivare sul lettino operatorio il più tranquillo possibile.
[#7] dopo  
Utente 304XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera, se che la scoccio continuamente con le mie domande per tutte le mie paure. Volevo sapere una cosa: la stanza pre-operatoria, è completamente chiusa come la sala operatoria? Al suo interno, insieme al paziente è sempre presente l'anestesista? Solitamente confina con la sala operatoria? La sala operatoria è corredata di una sola uscita? Mi scusi se le faccio tutte queste domande, ma come le ho detto prima sono un tipo che soffre in maniera molto molto elevata di claustrofobia.