Utente 305XXX
Egregio dottore,

mi rivolgo a lei per avere delle informazioni in merito al mio caso.
Nel momento di massima erezione del pene, questo risulta eccessivamente rigido, al punto che mi è difficile piegarlo in avanti e sembra quasi voler aderire alla pancia. La distanza massima che riesco a raggiungere spingendo in avanti con la mano l'organo genitale è di max 10-12cm tra punta e pancia.
Questa eccessiva rigidità mi causa qualche fastidio:
- nel momento in cui debba urinare perché mi è impossibile farlo in piedi se non di fronte a un urinatoio vespasiano molto alto e, anche da seduto sul water, devo piegarmi in avanti quasi con il busto parallelo al pavimento per riuscire a urinare bene, infatti, se piego troppo il pene si blocca la fuoriuscita dell'urina.
- in occasione di rapporti con la mia partner perché non riesco a piegare il pene più della misura che ho riportato sopra.

Vorrei sapere da lei se si tratta di un caso del tutto normale o se vi sia in corso una qualche patologia e come possa risolvere questo fastidio che mi attanaglia fisicamente e psicologicamente.

Grazie in anticipo per l'attenzione e la disponibilità che vorrà dimostrare.

Cordiali Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,un pene che in erezione punti verso l'addome in maniera decisa,oltre che ad essere il sogno di tanti uomini,non va trattato ma può richiedere la preferenza di posizioni ad hoc,preferibilmente supino.Comunque,onde evitare confusione,contatti un bravo andrologo che nella Sua città non manca.Cordialità.