Utente 224XXX
Buongiorno, domando informazioni in questo blog perchè non trovo il coraggio di parlarne con la mia psicoterapeuta. Sono anni che sono in terapia, soprattutto per problemi depressivo-ansiosi e relazionali. Penso che uno dei miei proplemi sia quello di sentirmi inferiori agli altri maschi, perchè non mi vedo come loro. Mi spiego meglio: sono terrorizzato nel mostrarmi in mutande e anche senza maglietta (provo un grande senso di vergogna), le dimensioni del mio pene quando non è eretto sono davvero esigue (sembra non ci sia nulla) mentre in erezione la sua lunghezza è circa 10 cm. Non so come affrontare questo problema che mi porto avanti sin da quando sono andato alle scuole medie. Non riesco a relazionarmi con gli altri maschi, mi sento inferiore. Non ho il coraggio di andare a fare alcuna attività sportiva per la paura di dovermi mostrare, soprattutto nuoto, attività che mi porterebbe a rimanere soltanto con il costume. Chiedo un vostro aiuto, è il caso che ne parli con la mia psicoterapeuta, o fare una visita da uno specialista (urologo/andrologo). Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

il nostro consiglio è naturalmente quello di esporre il suo problema anatomico alla sua psicoterapeuta e poi a ruota sentire anche in diretta un bravo andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html .

Un cordiale saluto.



[#2] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dott. Beretta, la ringrazio delle informazioni,
parlare di questa cosa con la mia psicoterapeuta mi mette molto a disagio, parlare di tutto ciò che riguarda l'ambito affettivo mi mette molta ansia. Pensi che sono sette anni che non vado al mare, mi vergogno molto del mio aspetto fisico (nell'ultimo anno sono dimagrito 10 kg ma ancora non mi piaccio, ora peso 84kg). Mi vergogno anche di mostrare i miei caratteri sessuali secondari ( per esempio peli sul petto, o in altre zone...anche la barba mi mette in soggezione). Secondo lei tutto ciò può essere legato ad un senso di inferiorità nei confronti del mondo maschile? Mi sono accorto di guardare molto di più i maschi che le femmine, mi metto in confronto con loro e mi dico "vorrei essere così". Secondo lei da cosa può dipendere che le dimensioni del mio pene "a riposo" siano come quelle di un bambino? io ora ho 22 anni, non potrò più crescere, giusto? dipende da problemi ormonali? ci possono essere cure per portarmi ad avere una dimensione consona alla mia età? La ringrazio della cortesia!
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
una valutazione andrologica secondo me andrebbe fatta sempre e comunque.

Nella mia pratica clinica anche quando una problematica è chiaramente psicogena, mando sempre il paziente all'andrologo con cui lavoro a braccetto, per una diagnosi clinica esatta e soprattutto rassicurante.

Dalla diagnosi e dall'esclusione di anomalie, si può poi partire per affrontare altro, che nel suo caso sembra trattarsi di dismorfofobia peniena

Le allego qualche lettura che potrebbe servirle.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/2304/Misure-dei-genitali-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1170/Pene-piccolo-paure-d
[#4] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dott.ssa Randone, la ringrazio per i consigli e gli allegati, cercherò di trovare il coraggio di parlarne con la mia terapeuta ed eventualmente prendere appuntamento con un andrologo.
Grazie,

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, fatto il tutto poi ci riaggiorni.

Ancora cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
Carissimi Dottori,
ho preso coraggio e ne ho parlato sia con la mia psicoterapeuta, sia con il mio psichiatra, è stata molto dura ma alla fine ce l'ho fatta. Ho poi fatto proprio ieri visita andrologica, devo dire che mi aspettavo un trattamento diverso, il medico non mi ha messo a mio agio, anzì è stata un'esperienza davvero 'traumatica'. L'andrologo ha detto che il mio pene è assolutamente 'normale' mi ha detto però che ho nella zona pubica un accumulo adiposo che lo 'nasconde'. Ha inoltre notato una ipotrofia dei testicoli, ma mi ha rassicurato dicendo che la loro funzionalità non dipende dalla loro dimensione, niente varicocele, prostata ok. Mi ha anche detto di fare spermiogramma,ma non so se lo farò. So soltanto che dopo essere uscito dall'ambulatorio mi sono sentito peggio di prima! per esempio per quell'adipe sulla zona pubica non mi ha detto nulla, secondo voi attività fisica (palestra) risolverebbe la cosa? Forse è un problema psicologico più che anatomico? Vi chiedo qualche consiglio in più vista la vostra professionalità e cordialità! Grazie
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

certo, dieta e attività fisica smaltiscono gli accumuli di adipe, anche sul pube.

La cosa importante è che si sia escluso un problema anatomico ed organico importante.

Questo ci riporta naturalmente a prendere in considerazione sempre tutte le complesse e specifiche problematiche e cause psicologiche.

Ancora cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
Sì penso anche io ci siano cause psicologiche che dovrò sviscerare con la mia terapeuta. Intanto un grande passo l'ho fatto, sono felice di aver trovato il coraggio di parlarne e di fare la visita! La ringrazio tantissimo Dott. Beretta.

Saluti
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, bisogna proseguire su questa strada!

Ancora un cordiale saluto.
[#10] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Psiche e soma non possono essere disgiunti e trattati singolarmente, nè in fase diagnostica che tapeutica
La visita andrologica era indispensabile, ora prosegua con il percorso intrapreso
Cari auguri.
[#11] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
Vi ringrazio entrambi!!
Cari saluti e buon lavoro!
Grazie ancora