Utente 226XXX
Gentili Dottori, vi riporto qui di seguito il seguente esame istologico:
Losanga di cute di cm 0.4*0.3 inviata come "nevo dorso" che perviene non orientata, sede di lesione pigmentata delle dimensioni di cm 0.3*0.2 piana, a margini sfumati, a pigmentazione disomogenea, distante meno di cm 0.1 dal più vicino dei margini lateraòl di exeresi.
Diagnosi: nevo giunzionale lentigginoso con displasia focalmente di alto gtrado, con aspetti regressivi del dema superficiale e che raggiunge uno dei margini laterali di exeresi.
Caratterizzazione immunoistochimica: Melan A ++
Sono molto preoccupata e in ansia, è un melanoma??
Cosa mi consigliate di fare, oltre ovviamente a consulatre il mio dermatologo cui ho giò fissato l'appuntamento??
Grazie mille.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
si tratta pur sempre di un nevo anche se con displasia di alto grado, non di un melanoma. Quindi una volta rimosso non deve dare più problemi. Però certamente l'elemento deve essere radicalizzato essendo istologicamente presente ai margini, quindi deve rivolgersi comunque ancora al dermatologo per accordarsi in questo senso.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per la pronta risposta; la cosa mi rincuora. Approfitto della Sua gentilezza per chiederLe se l'intervento della radicalizzazione a Suo parere, deve essere effettuata con urgenza visto che l'appuntamento dal chirurgo non è possibile prima di 15 giorni.
Vorrei chiederLe anche, cosa significa Melan A++ se la diagnosi è un nevo e non un melanoma.
E' sicura la diagnosi effettuata o può esserci margine di dubbio??
Posso dormire serena??
Grazie nuovamente per la Sua disponibilità e gentilezza.
[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Certo che può aspettare 15 giorni, non è così urgente. Per quanto riguarda il melan A è un marcatore delle cellule melanocitarie. Infine per il dubbio della diagnosi istopatologica le rispondo come al solito di chiedere eventualmente un secondo parere ad un esperto, anche se generalmente le posso assicurare che i patologi sono molto scrupolosi in questo tipo di referti e che se avesse avuto dei dubbi il collega sarebbe stato il primo a richiedere ciò.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dottore, a questo punto procederò alla completa radicalizzazione e poi mi metterò tranquilla.
Saluti e buon lavoro.