Utente 230XXX
Salve,
ho 46 anni, non fumatore e da circa un mese ho notato grossi problemi per avere una erezione, sembra che il mio intero corpo sia diventato "poco sensibile" al contatto fisico con il partner, anche se la mattina appena sveglio a volte ho l'erezione...
all'inizio ho pensato ad una cosa temporanea poi ho capito che c'è un problema e mi sono rivolto ad un andrologo dal quale dovrò tornare dopo aver fatto una serie di analisi...
tuttavia girando in rete ho trovato notizie contrastanti sulla possibilità di guarire, da una parte forum di persone che magari non sono medici e dicono sciocchezze, dall'altra siti di andrologi che però, senza offesa per nessuno e considerando i tempi di oggi, potrebbero dire la verità o tirare l'acqua al proprio mulino
Ovviamente ci tengo a risolvere il mio problema e farò il possibile per farlo, ma per onestà verso me stesso prima di tutto, vi chiedo a voi quali sono le percentuali di guarigione dalla disfunzione erettile ?
Grazie per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non esistono queste percentuali!

La disfunzione erettile non è una malattia ma è un sintomo che ha alle sue spalle diverse patologie, sono queste che devono essere scoperte e risolte, quando possibile.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
Trovo la risposta molto insoddisfacente...
ma quante patologie ci possono essere ?
se si hanno problemi vascolari o ormonali si agisce li, gli articoli che ha suggerito sono troppo lunghi e tecnici, ma mi sembra non diano ottimismo, se ho un DE devo passare la vita a prendere una pasticca che dà effetti collaterali o a farmi una iniezione sul pene ?
vorrei un pò di chiarezza, in senso stretto mi interessa poco sapere quali cause ci sono dietro al DE, ma se queste cause vengono trovate e risolte...
in poche parole, quante persone che si rivolgono ad un andrologo per un DE risolvono il loro problema ?
la domanda è semplice e vorrei una risposta altrettanto semplice, che vuol dire non esistono percentuali ?
non vuole essere una polemica, sia chiaro, ma così ci capisco ben poco...
thx
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

per essere poco "tecnici" e poco "lunghi", tranne poche situazione cliniche estreme, quasi tutte le patologie che stanno alla base di un disturbo dell'erezione, se ben corrette, si può osservare una risoluzione anche del problema erettivo.

Un caso tipico è il diabete scompensato ad esempio.

Non drammatizzi e si rivolga al suo andrologo.

Ancora un cordiale saluto.