Utente 313XXX
Salve!
Chiedo un consulto per un gonfiore alla guancia destra che si ripresenta, per quel che ho potuto notare ne periodi di stress (esami universitari, soprattutto pare, in concomitanza con il ciclo mestruale, il che potrebbe essere anche un caso). Se palpo la regione di interesse avverto come un nodulino, non sento dolore e la consistenza mi pare duro elastica. Il gonfiore non aumenta in relazione ai pasti e mi pare vada leggermente meglio con gli antiinfiammatori. Inoltre avverto un fastidio al livello dell'articolazione omolaterale quando devo aprire la bocca, come fosse un piccolo scatto ( non saprei definirlo altrimenti) .Inoltre mi sembra di sentire "tirare" l'occhio omolaterale, come se le palpebre fossero più chiuse. Il gonfiore non è persistente quindi in genere poi torna normale passato il periodo di stress, e non mi pare che il nodulino aumenti di dimensioni. Vorrei sottolineare che il settembre scorso mi sono stati asportati entrambi i denti del giudizio sulllo stesso lato, prima di allora tutto questo non era mai capitato. L'intervento è stato eseguito da un chirurgo maxillo facciale e il motivo era costituito dal fatto che il dente inferiore da giugno dello stesso anno aveva inizato a dare problemi : gonfiore, dolore insopportabile(che difficilmente regrediva con antiinfiammatori ), materiale simile a pus che drenava in bocca se schiacciavo la guancia e grandi difficoltà nell'aprire e chiudere la bocca. Ho consultato un dentista che senza nepure un ortopanoramica mi ha fatto assumere zimox 500 mg x 3/ die e orudis sempre tre volte al giorno (non ricordo il dosaggio). La sintomatologia sembrò sparire dopo una settimana . Sfortunatamente gli stessi sintomi si sono ripresentati a breve. di nuovo il dentista mi ha consigliato la stessa terapia. Dopo che la stessa cosa si è ripetuta 4 volte mi sono rivolta a un secondo odontoiatra (nel frattempo sono passata da zimox ad augmentin essendo diventata resistente a zimo credo e da orudis a oki). Il dottore dopo aver eseguito un'ortopanoramica e una TC dental scan ha ritenuto opportuno che fosse un chirurgo ad operare per via della contiguità della radice del dente inferiore con il canale mandibolare, nel frattempo ho eseguito 6 punture di rocefin per far passare di nuovo il gonfiore. L'operazione è avvenuta a settembre : mi è stato asportato sia il dente inferiore che il superiore, non ci sono state complicanze che io sappia e da allora la sintomatologia sembrava risolta. Se non che poi già dalla sessione di esami di gennaio, poi nuovamente ad aprile e ora di nuovo ho notato quanto esposto sopra. Ad aprile mi sono rivolta ad un otorino che non sembra aver riscontato problemi, ho fatto un eco della guancia e il dottore (specializzando in radiologia) ha detto che nonostante le difficoltà date dalla struttura ossea sottostante vedeva un linfonodo reattivo nell'area. Poichè questa cosa mi sta un pò preoccupando mi chiedo cosa possa essere? chi devo rivolgermi? grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.ma Sig.ra,
dato quanto Lei riferisce e data la lunga storia clinica, è opportuno un corretto inquadramento diagnostico differenziale.
Dovrebbe ritornare a descrivere la Sua situazione ai sanitari che hanno effettuato l'ultimo intervento, chiedendo a loro di suggerirLe eventuali consulenze specialistiche.
In alternativa, potrebbe rivolgersi al Suo Medico di Medicina Generale che potrà porre indicazioni ad ulteriori verifiche.
Cordiali saluti