Utente 294XXX
Buonasera,
mi hanno operato questa settimana per una cisti pilonidale che mi è stata diagnostica 'a vista' (senza strumenti) dal mio medico di base e confermata dal chirurgo pochi giorni dopo con la stessa modalità. Infatti quando mi sono recato da entrambi, prima dell'operazione, avevo un'infiammazione e fuoriuscita di pus nei pressi del coccige.
Dopo l'operazione però ho notato che i punti sono in un'altra zona e non in quella dolente dalla quale fuoriusciva il pus.
È normale?
Il dubbio mi sorge poiché non vi è stato nessun esame diagnostico (ecografia o altro), a meno che questo non sia avvenuto mentre ero in anestesia generale.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la diagnosi di cisti pilonidale, soprattutto se ascessualizzata, risulta del tutto evidente al solo esame clinico e non richiede accertamenti di tipo strumentale.
Nel corso dell'intervento è possibile identificare il decorso del tramite fistoloso mediante iniezione al suo interno di un colorante vitale.,
[#2] dopo  
Utente 294XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la risposta.
Se ho ben capito quindi la cisti non risiede laddove si è formato l'ascesso e attraverso il colorante si identifica la posizione corretta. Rimane un dubbio però: se al momento dell'operazione, almeno per quanto mi riguarda, non era possibile individuare visivamente la sede della fuoriuscita di pus, dove si inietta il liquido?
Grazie.