Utente 539XXX
Buongiorno..
Ho eseguito un intervento di sutura del tendine estensore medio della mano,in data 14 aprile 2008.
Venerdì 6 Giugno ho eseguito l'ultimo controllo dall'ortopedico che mi ha operato,e mi ha detto che andava tutto benissimo,e che se non c'erano problemi non dovevo più tornare. Dovevo solo massaggiare la cicatrice perchè la pelle "si era attaccata" all'interno..

Il sabato dopo ha iniziato ad uscire una bollicina attaccata alla cicatrice,che ad oggi ha le dimensioni di un brufoletto (3 circa di diametro)ed è bianca..Non provo dolore nel passarci sul il dito.
Pensavo fosse un po' di irritazione per lo sfregamento del massaggio, così ieri ho iniziato su suggerimento del farmacista ho iniziato ad applicare una crema gentamicina e betametasone,visto che tutto intorno alla cicatrice era molto arrossato,cosa che adesso sembra attenuata almeno nella parte anteriore.

Pur non potendola vedere,sa se è "normale" che sia uscita?
Perchè mi dicono (persone non qualificate) che potrebbe esserci qualche problema con i punti interni (quelli esterni li ho rimossi 13 giorni dopo l'intervento).
Vorrei sapere cosa potrebbe essere,e se faccio bene comunque a metterci su la crema gentamicina, o se devo provare a smettere di sollecitarla (per "staccare la pelle") per vedere l'evolversi..
Mi scuso se ho omesso qualcosa,è che sono un po' agitata xk ho sentito dire che se ha fatto infezione è da riaprire..

La ringrazio anticipatamente per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Non credo si tratti di una vera e propria "infezione" si tratta in genere, più frequentemente, di una iperreattività cicatriziale che può determinare ispessimenti nodulari con o senza ipercheratosi. Potrebbe trattarsi di una reazione ad un punto riassorbibile posizionato in sede sottocutanea: in tal caso conviene avere un pò di pazienza: il punto verrà lentamente riassorbito in modo spontaneo!
Talvolta la bollicina può ulcerarsi spontaneamente per far fuoriuscire un piccolissimo frammento di filo di sutura. La cosa migliore è farsi valutare nuovamente dallo specialista che ha effettuato l'intervento chiedendogli se ha posizionato punti riassorbibili. Non ritengo utile la pomata al cortisone. Abbia pazienza, Non si allarmi e attenda 3-4 settimane ancora. Ripeto: nella gran parte dei casi del genere la risoluzione è spontanea! Mi faccia sapere! Cordiali Saluti,
[#2] dopo  
Utente 539XXX

Iscritto dal 2008
GRAZIE!!!!! Mi ero un po' allarmata a sentire che "c'era qualcosa che era andato storto", ma con le sue parole mi ha veramente tranquillizzato,è quello che speravo di sentirmi dire..Fiuuu!! :-)
Se guarisce da sola,attendo anche mesi, non mi interessa che c'è una bollicina,l'importante è che non è nulla di grave che comprometta l'operazione!GRAZIE GRAZIE!^_^

Posso approfittare di lei per un ultimo chiarimento? il fatto che c'è questo ispessimento nodulare,devo evitare di massaggiare la cicatrice finchè non va via? o posso continuare finchè non ho "staccato la pelle dalla della mano"? (che frase bruttissima..vabbè,spero che ci siamo capiti eheh..)

Non so davvero come ringraziarla.... ^___^
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Il trattamento cicatriziale è utile ma deve essere fatto in modo "gentile" con movimenti circolari e con pomate o gel idratanti e nutrienti specifici (Es. VEA Lipogel). Il massaggio deve essere volto due o tre volte al giorno per rendere mobili tra loro i piani tessutali ma non deve creare infiammazione o traumi alla cute. Occorre inoltre mobilizzare le dita con movimenti di flesso-estensione in modo da fare scorrere le strutture tendinee riparate.
Qualora la bollicina dovesse ulcerarsi per la presenza di un piccolo frammento di filo di sutura occorre medicare localmente con semplice acqua ossigenata spremendo leggermente in modo da "favorire" la completa fuoriuscita di tutto il materiale estraneo. Nel caso, infrequente, di persistenza di una piccola ulcerazione occorre una visita specialistica. Cordiali Saluti.
[#4] dopo  
Utente 539XXX

Iscritto dal 2008
Grazie infinite per la sua risposta,è stato chiarissimo, oltre che completo!
Mi procuro subito la crema per il massaggio..

Per quanto riguarda il movimento,per ora il dito riesco a stenderlo completamente (seppur con sforzo),sto lavorando per chiudere la mano (più che altro con movimenti passivi,aiutati con l'altra mano),ma li credo che sia semplice "ruggine",visto che anche l'anulare (steccato insieme) è dolente e più di tanto non si chiude :)

Ancora mille grazie Dottore!!! ^_^
E' stato preziosissimo oltre che gentilissimo!!!