Utente 333XXX
Salve ,
A mio padre da qualche giorno è stato diagnosticato l' Herpes zoster , in cura con farmaci antivirali non presenta forte dolore , ha avvertito un bruciore solo nella fase iniziale della malattia , l ' eta è pero di 64 anni. Premetto che ha subito operazione di by pass coronarico circa un anno fa. Documentandomi ho visto che al fime di evitare la nevralgia post erpetica si consiglia un blocco epidurale selettivo entro 10 15 giorni dalla comparsa dell eritema.
Vorrei sapere che rischi comporta un intervento comunque invasivo di questo tipo e
un opinione sulla sua oppurtunita.
Ho visto che la nevralgia post ermetica è una complicanza molto seria e di difficile trattamento.
Vi ringrazio anticipatamente
Un saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, la nevralgia posterpetica è certamente una complicanza seria ed invalidante dell'Erpes Zoster. La sua durata può essere molto lunga e complessa nel trattamento, dato che spesso è richiesto somministrare un mix di farmaci ed il ricorso a tecniche invasive.
Tuttavia, per quanto è la mia esperienza, la cosa fondamentale nella prevenzione è la diagnosi precoce e l'inizio della somministrazione degli antivirali entro 48-72 ore dalla comparsa della manifestazione cutanea.
La tecnica cui lei accenna, sempre per quanto riguarda la mia esperienza, anche se lei non ci dice la localizzazione dell'Erpes Zoster, ha una funzione antalgica, e mi sembra di capire che al momento attuale suo padre non ha dolore.
L'età di suo padre inoltre non può essere considerata avanzata, nonostante l'intervento di by-pass: al giorno d'oggi a 64 anni non si è vecchi, al massimo maturi, e l'intervento al cuore dovrebbe aver migliorato il suo stato di saluti.
Spero di essere stata chiara, saluti.
[#2] dopo  
Utente 333XXX

Iscritto dal 2014
Gentilissima Dottoressa Martin ,
La ringrazio per la sua pronta risposta.
Nel caso di mio padre la localizzazione dell eritema è su un testicolo , lunga la natica sin poco sopra la stessa.
Avvertiva un leggero bruciore scomparso con la somministrazione degli antivirali , quindi in nessun momento vi è stato dolore forte neanche all esordio della malattia.
Prima della comparsa del erpes ha avvertito stanchezza , senzazione di malessere (come se avesse la febbre )a distanza di una settimana le condizioni generali sono abbastanza buone.
La domanda sull ' opportunita di un blocco selettivo peridurale se ho ben capito con l ' impiego di un preparato cortisonico e anestetico , nasce dal fatto che come lei anche concorda la complicanza della nevralgia post erpetica è una condizione mi sembra di capire molto seria, di difficile cura e vi sono studi che garantiscono che tale blocco se effettuato in tempo scongiura tale eventualità.
Quindi si farebbe solo come prevenzione , a partire dai 60 anni di età.
Insomma se i rischi di un epidruale sono minimi mentre i rischi di una complicanza dal virus sono tanto elevati e statistiche parlano dopo i 60 anni di addirittura il cinquanta per cento di probabilta di contrarre la nevralgia post erpetica viene spontaneo chiedersi perchè tale possibilità non sia ancora conosciuta e applicata in maniera diffusa.
La ringrazio ancora per il suo interessamento
Un cordiale saluto