Utente 333XXX
Salve,
sono una ragazza di 30anni, che in seguito a distrurbi della vista e forti emicranie frequenti in seguito al consulto di un oculista ha scoperto di aver avuto episodi di emicrania con aura.
Il primo episodio (visivo) è avvenuto molti anni fa (non facevo terapia ormonale), gli ultimi due a distanza di tre gg durante terapia ormonale con Zoely.
L'oculista ha evidenziato una possibile correlazione con PFO consigliandomi di effettuare un ecocolor doppler transcranico , da cui è emerso:
"Test dinamici per shunt destro-sinistro negativo in basale. Dopo manovra di Valsava si registrano un numero di segnali microembolici superiore a 10 come shunt di grado lieve"
Ho consultato pertanto un cardiologo nella mia citta che evidenzia in ECG: bradicardia sinusale con FC di 58bpm.
ECC:lieve aneurisma del SIA
Consigliando RMN encelfalo con e senza m.d.c. e esami protocollo trombofilia.
Dai risultati della RMN encefalo è emerso: Non presenti significative alterazioni del segnale sul parenchima cerebrale esaminato nè prima nè dopo somministrazione di m.d.c. con alcuni puntiformi esiti gliotici in sede frontale sinistra sulla sostanza bianca.Nello norma lo spazio liquorale peri encefalico, il sistema ventricolare e la fossa cranica posteriore. Formazioni con aspetto cistico in sede para faringea.
Il medico di famiglia mi ha prescritto per screening trombofilia la sola analisi del DNA per polimorfismi (mutazioni fattore V Leiden, protrombina A20210, 5,10-MTHFR T677) da cui è emersa sola mutazione eterozigosi per 5,10-MTHFR T 677.

Al controllo dal cardiologo questo ha valutato negativo per esiti gliotici aspecifici (non riferibili a espisodi micro ischemici) il responso della RMN e richiesto (sotto mia insistenza) di completare lo screening trombofilico aggiungendo: LAC, ACA igG/igM, Proteina C, Proteina S, Antitrombina III funzionale, omociteinemia, fattori emocoagulativi (V-II-VII-VIII-Von Willebrand-IX-X-XI-XII-XIII).

Non consiglia l'intervento di chiusura del PFO, ma terapia con cardirene 75mg in seguito a reposnso negativo del completamento esami.Il cardiologo esclude l'intervento perche in assenza di micro ischemie non lo ritiene necessario e risolutivo.

Io ho bisogno di sapere se necessito di ulteriori esami, se il risultato della RMN non è correlabile, se è possibile per me fare attività sportiva ed effettuare lunghi viaggi in aereo (di 8-12ore) che faccio solitamente per lavoro.
A volte (ca ogni giorno) mi capita di sentire delle fitte al petto a sinistra, è possibile che siano correlate al PFO?

Attendo risposte da medicitalia prima di valutare una visita di riscontro presso il centro di S.Donato Milanese.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Sono senza ombra di dubbio in accordo con i suoi curanti. Non vi è alcuna indicazione alla chiusura del PFO.

Utile il trattamento antiaggregante ed il completamento degli esami per lo screening della trombofilia.

Se la cefalea potrebbe non essere correlabile al PFO non lo sono sicuramente le fitte al torace,

Nessuna controindicazione ai viaggi in aereo o all'attività sportiva.

GI