Utente 334XXX
Buonasera,
sono una ragazza di diciotto anni, in salute.
Recentemente, ho iniziato ad accusare dolori alla base della testa, all'altezza delle prime vertebre cervicali che si rifletteva anche sulle tempie causandomi forti pulsazioni come se mi sentissi "il cuore che batte in testa".
In un primo momento ho collegato il tutto alla febbre, che proprio in quei giorni mi ha tenuto "compagnia" sui 38/38.5, credendo che tutta quella tensione fosse dovuta alla temperatura alta; ma una volta guarita dalla febbre il dolore cervicale non ha fatto altro che aumentare, non lasciandomi dormire e provocandomi fortissime fitte quando mi siedo, mi alzo e mi sdraio. In particolare quando mi alzo, la pressione all'interno della testa si fa così forte che mi costringe a stare ferma per qualche secondo prima di riprendermi.
Ho preso per un paio di giorni degli analgesici come consigliatomi dal mio medico curante, ma non ho trovato nessun sollievo.
Mi rivolgo a lei per sapere se questi sintomi potrebbero essere causati da qualcos'altro, non risolvibili con un ciclo di antidolorifici, oppure se ha da consigliarmi una particolare visita o terapia da seguire.

Grazie in anticipo per il suo aiuto.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile signorina,
ha fatto bene a non sottovalutare il problema di questi dolori che le danno tanta sofferenza.
Personalmente è sempre preferibile approfondire che trascurare i segnali del nostro corpo.
Sulla scorta di quanto descritto, ritengo che in prima istanza sia preferibile rivolgersi al suo medico curante per informarlo sul fatto. Poi, può chiedergli di prescriverle una consulenza dello specialista ortopedico.
Aguri
[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Salve Dr. Grosso,
innanzitutto grazie per la sua risposta.
In secondo luogo volevo informarla che sono tornata dal mio medico curante per aggiornarlo sulla situazione, e sembra che questi forti mal di testa e cervicalgie possano essere collegati ai miei denti del giudizio, che stanno sì uscendo in maniera non perfettamente corretta, ma che non mi hanno mai causato particolare dolore o infiammazione alle gengive.
Ho nel frattempo richiesto la consulenza di uno specialista ortopedico come consigliatomi da lei.
Volevo sapere se a suo parere è possibile che sia collegato a un problema odontoiatrico e non propriamente ortopedico.
Grazie per il suo tempo, cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Vi sono condizioni che un problema odontoiatrico possa avere ripercussioni ortopediche. Mi tenga informato.
Auguri