Utente 323XXX
Gentilissimi dottori,
sono una ragazza di 23 anni e ho partorito da due mesi.
Da circa un mese ho un fastidio nella zona pelvica destra, un "dolorino" se così posso definirlo, non forte ma comunque fastidioso, e che va e viene.
Allatto la mia bimba e non ho ancora avuto il capoparto ma a visita ginecologica il mio utero e le ovaie sembrano essere ok.
per questo qualche giorno fa mi sono fatta visitare dal medico di base...il quale mi ha tastato l'addoeme...poi in un punto particolare...che mi sembrava più la zona pelvica che quella appendicolare mi ha fatto sentire abbastanza dolore con diagnosi: risentimento appendicolare.
Ho effettuato il giorno dopo emocromo VES E PCR, e il risultato è stato negativo, valori nella norma. Tornata dal medico di base mi ha detto che in alcuni casi l'appendice infiammata non da valori alterati e visto che c'era "un risentimento appendicolare" era meglio farmi visitare da un chirurgo così Sono stata in pronto soccorso e il medico che mi ha visitato mi ha trovato una corda colica ma non un'appendicite. Ho poi fatto il terzo giorno un ecografia, la diagnosi è stata: l'esame emocotografico della fossa illiaca destra evidenzia regolare spessore parietale delle anse-illeo cefali ed appendicolari, con regolare compressione delle stesse che appaiono facilmente deformabili dai movimenti di pressione esercitati dalla sonda ecografica. assenza di raccolte liquide libere o saccate. assenza di lindoadenomegalie.
Ora mi domando cosa intendesse il medico per "risentimento appendicolare"...è una cosa che ha sentito lui stesso sotto le mani visitandomi oppure è la reazione al dolore che ho avuto io durante la visita.
Sono molto spaventata, anche perchè mi hanno detto di mangiare in bianco ma allattando mi riesce difficile sostenermi con le energie.
Il dolore che persiste è piu un fastidio ed è a tratti...sono una persona ansiosa e ipocondriaca e ci penso 24 ore su 24 non vorrei stessi somatizzando il tutto.
Ho paura di arrivare ad un appendicite acuta e dovermi operare d'urgenza.
Dunque se avessi l'appendice infiammata si sarebbe visto ecograficamente o con i valori? quali esami potrei effettuare per capirne di più? grazie mille a chi vorrà rispondere

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
L'assenza di indici infiammatori ed un'ecografia delle anse nella norma dovrebbero tranquillizzarla. Il "risentimento appendicolare" , rilevato dal suo medico, é dato dalla sintomatologia provocata alla compressione addominale. Al momento non vedrei segni sospetti di appendicopatia.


Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta.
Dottore ma quindi come mai quando il medico curante mi ha visitato sono saltata dal lettino e quando invece l ha fatto il chirurgo no? Puó essere che il primo abbia toccato troppo in basso? Inoltre come dovrei comportarmi con questo dolore in zona inguinale? Potrebbe essere dovuto ai postumi del mio parto naturale? Mi scusi le tante domande ma sto vivendo un momento di forte disagio e non riesxo neanche a rilassarmi ed allattRe la mia piccola
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Probabilmente non avendo ancora avuto la ripresa delle mestruazioni,vi è una maggiore sensibilità al dolore con la compressione addominale in sede pelvica.Infatti lei stessa asserisce di avere avvertito maggiore dolenzia alla palpazione bassa.
Seguire una dieta in bianco non significa digiunare ma alimentarsi con minori condimenti (ad esempio salse)e spezie.Pertanto esclusi anche insaccati,carne e pesci grassi,gli altri alimenti sono consentiti.Se l'alimentazione corretta fa migliorare la sintomatologia,vuol dire che il "risentimento appendicolare" era la conseguenza dell'irritazione del colon .
Saluti
[#4] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
gentile dottore e se invece il dolore dovesse persistere? sto mangiando pulito da circa una settimana ma questo fastidio seppur poco e ad intermittenza c'è.
A chi dovrei rivolgermi?
[#5] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Se dovesse essere necessario,si rivolga al curante che le consigliera' cosa fare.
Stia tranquilla !
[#6] dopo  
Utente 323XXX

Iscritto dal 2013
Ok, grazie mille siete stati molto gentili