Utente 251XXX
Ho 41 anni e da parecchi anni ho constato di avere le difese immunitarie molto basse. Se in ufficio qualcuno è raffreddato, pochi giorni dopo lo sono anch’io. Se entro in un qualsiasi locale dove qualcuno è ammalato, è un miracolo se non finisco a letto qualche giorno piu’ tardi. E pensare che faccio di tutto per condurre una vita che sia la piu’ sana possibile. Curo particolarmente l’alimentazione, evito, se possibile, i locali sovraffollati, mi vaccino tutti gli anni contro l’influenza. Eppure, i risultati sono molto deludenti. Dato che soffro di tiroidite di Hashimoto e di menopausa precoce spontanea (dall’eta’ di 36 anni) il mio medico è poco propenso a prescrivermi dei trattamenti per rafforzare le difese immunitarie. A suo parere, infatti, in un organismo soggetto ad attaccare sé stesso, non farebbero altro che peggiorare la situazione. Ma è davvero possibile ? Ho colleghe entusiaste dei risultati ottenuti da cure a base di echinacea o altri trattamenti omeopatici e non.
Io che cosa posso fare ?
GRAZIE!!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Come laboratorista io chiamo immunodepresso uno che abbia una carenza di anticorpi o di globuli bianchi documentabile. Altrimenti la dizione corretta e' "mi ammalo spesso [specificare di cosa esattamente ci si ammala, un mal di gola non e' una sepsi] e non si sa perche'".

Posta cosi' la questione, potrebbe derivare da tante spiegazioni polifattoriali tipo: vivo in ambienti micropolverosi, non ho piu' le tonsille, il mio epitelio ciliato e' paralizzato dal fumo, la mia circolazione e' scarsa perche' sono sedentaria, l'eutirox mi rende sempre un po' ipertermica ecc. ecc.,

Terapie da banco che proclamano di rafforzare le difese ecc.: quelle ortodosse sono praticamente una patacca, quelle omeopatiche non le conosco.

L'atteggiamento prudenziale e omissivo del suo medico e' un chiaro giudizio di valore sulla modestia delle sue magagne e una saggia applicazione del detto "primum non nocere".

Se non sai esattamente qual e' il problema e se non puoi misurarlo, non pasticciare con cure velleitarie.


[#2] dopo  
Utente 251XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo Dottore,
La ringrazio per la Sua cortese e precisa risposta. In effetti non avevo specificato di ammalarmi spesso solo di malattie dell'apparato respiratorio. Nulla di irrisolvibile, per carita', ma é pur sempre fastidioso combattere durante l'anno con continui raffreddori che spesso sfociano in sinusiti; per non parlare di otiti e nella stagione piu' fredda anche di bronchiti. Tutto cio' mi sta provocando problemi anche dal punto di vista professionale, accumulando vari giorni di malattia certamente non visti di buon occhio dal mio datore di lavoro. Mi chiedo semplicemente se davvero tutto questo é normale. GRAZIE ANCORA !