Utente 735XXX
Buongiorno.
Stamattina mi sono recata dal mio dentista perchè sono "saltate" due otturazioni rispettivamente ad un premolare ed un molare, fatte parecchi anni fa.
Dopo un'accurata pulizia il mio dentista mi ha proposto una cura canalare e l'inserimento di una capsula a protezione.
Dietro mia richiesta, visto il preventivo conseguentemente risultato, ho ritenuto opportuno ricorrere ad una semplice nuova otturazione, senza corona, effettuando però la cura canalare richiesta.
Vorrei conoscere l'opportunità di realizzare questa cura canalare, visto che i denti non hanno subito alcun trauma, non c'è infiammazione, ascesso o dolori in atto e non c'è stata progressione nella carie riscontrata quando (più di venti anni fa) sono state poste le due originarie otturazioni.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
56390

Cancellato nel 2011
Gentile Utente,
se le otturazioni sono saltate, molto probabilmente sotto l'otturazione c'era una recidiva di carie, e questo è possibile dopo tanti anni.A questo punto potrebbe essere necessaria la devitalizazzione ed a seguire la protesi in ceramica.
Naturalmente solo il suo dentista può valutare il caso.
[#2] dopo  
Dr. Dario Spinelli
36% attività
16% attualità
16% socialità
SANTERAMO IN COLLE (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ritengo che la necessità di cura canalare possa essere identificata solo da chi la sta curando
[#3] dopo  
Utente 735XXX

Iscritto dal 2008
Grazie!
[#4] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile paziente, a quanto scritto correttamente dai colleghi, vorrei solo aggiungere che se lei sceglie, dopo aver visionato il preventivo, di non dover eseguire la capsula a protezione consigliatele, deve essere pronta a pagare le eventuali conseguenze di questa sua scelta, senza imputare in alcun modo la responsabilità al suo dentista.
Sicuramente il suo dentista le avrè spiegato perchè propone l'esecuzione della prestazione contestata.
[#5] dopo  
Utente 735XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Formentelli,
a proposito della capsula di protezione, il problema è che per inserirla dovrei farmi "limare" il dente esistente (mi perdoni il termine improprio); ne ho parlato ovviamente con il mio dentista che effettuerà invece una nuova otturazione, senza capsula. Solo nel caso in cui questa nuova otturazione non riuscisse ad ottemperare ai suoi compiti ricorrerò all'incapsulamento inizialmente consigliato.
Ovviamente nessuna responsabilità per il dentista, nel caso l'otturazione non "tenesse".
Grazie per la risposta.
[#6] dopo  
Dr. Angelo Raffaele Izzi
24% attività
4% attualità
12% socialità
LAINATE (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, il problema che puo' insorgere in un dente devitalizzato è che nella masticazione possa fratturarsi, ed in alcuni casi anche in maniera irrimediabile. Il concetto e che prima o poi deve porsi ad incapsularli, prevenga nel tutelarli.
[#7] dopo  
Utente 735XXX

Iscritto dal 2008
Gent.mo Dott. Izzi,
il dente è già devitalizzato, da anni.
Ringrazio e porgo distinti saluti.
[#8] dopo  
Dr. Angelo Raffaele Izzi
24% attività
4% attualità
12% socialità
LAINATE (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gent.mo utente,
per cura canalare quindi Lei indicava il ritrattamento canalare, questo tipo di trattamento è atto a ristabilire quelli che possono essere i corretti canoni dell'endodonzia, quali sigillo apicale, sagomatura tridimensionale del canale e detersione. molte volte un dente puo' risultare asintomatico anche con presenza di lesione apicale (granuloma).
In un dente devitalizzato si consiglia sempre quello che viene chiamato "procedura di cerchiaggio" (capsula) per evitare le conseguenze dell'effetto "ferula" (fratture corono-radicolari).L'emento dentario perde durante le fasi di trattamento quelli che possono essere i fattori strutturali più importanti, quali, tetto della camera pulpare ed eventualmente le pareti di sostegno laterali indebolendo la struttura coronale.Oltre tutto un dente devitalizzato non ricevendo piu' sostanze nutritive dal circolo ematico risulta indebolito rispetto ad un dente (vitale).