Utente 344XXX
Buongiorno, il 17 aprile sono stata sottoposta a intervento di safenectomia della gamba sinistra e varicetomie multiple latrali. I primi due giorni dopo l'intervento riuscivo a camminare abbastanza bene, anche se di notte dovevo alzarmi più volte per via di un forte dolore al piede, forse dovuto anche alla stretta della calza anti-trombosi. Le cose però sono peggiorate nei giorni successivi: non riesco più ad alzare il piede, nè a stendere la gamba, sento un dolore lancinante al muscolo dietro alla coscia e mi trascino avanti solo zoppicando.
Inoltre quando passo dalla posizione seduta/stesa a in piedi, mi fa male sempre nella zona coscia inferiore/polpaccio: sento come se il sangue all'interno della gamba affluisse tutto in quella zona e facesse pressione, in modo molto doloroso e prima di poter ricominciare a camminare, sempre zoppicando, devo aspettare qualche minuto.
Ieri ho fatto la medicazione presso il medico che mi ha operato e lui mi ha detto che poteva essere tutto dovuto alla forte stretta della calza anti-trombo: mi ha prescritto un altro tipo di calza, tipo collant a differenza dell'altra che era tipo auto reggente: purtroppo però non è cambiato niente e invece che migliorare, sto peggiorando. So che dovrei cercare di tenere in movimento la gamba, invece, per via del dolore, quasi non riesco più a muovermi. Sono piuttosto preoccupata. Grazie se vorrete darmi una vostra opinione.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
risulta per noi difficile offrire a distanza valutazioni riguardo un decorso postoperatorio che possano superare quelle di chi la segue dal vivo.
Accade frequentemente che i giorni successivi all'immediato postoperatorio possano essere caratterizzati da un incremento della sintomatologia dovuto al superficializzarsi degli ematomi. Come pure una intolleranza della elastocompressione potrebbe essere responsabile dei sintomi.
La loro persistenza e intensità suggerirebbe tuttavia una rivalutazione attenta da parte dell'operatore, anche mediante (se ritenuto opportuno) ecocolordoppler.