Utente 753XXX
Buongiorno,

Sono un ragazzo di 26 anni di Verona, godo buono stato di salute, non ho problemi di peso, né di diabete o colesterolo (sono un donatore di sangue). Pratico una moderata attività fisica, non fumo e consumo alcolici in modo molto moderato. Ho un problema che mi assilla ormai da qualche mese, e, dopo aver scoperto il vostro sito, ho pensato di rivolgermi a voi per un consulto.
Da un po' di tempo a questa parte -qualche mese, direi- ho notato la pressoché totale assenza di erezioni al momento del risveglio, anche se spesso mi rendo conto di svegliarmi uscendo direttamente dalla fase REM.
Se mi capita di svegliarmi durante la notte invece -e succede spesso, poiché ho un sonno piuttosto agitato-, le erezioni sono quasi sempre presenti, anche se non sempre con la stessa intensità; di tanto in tanto, però, esse si manifestano in modo molto significativo. Per quanto riguarda la masturbazione, non ho alcuna difficoltà a raggiungere l'erezione, ma riesco a mantenerla facilmente soltanto se persiste uno stimolo di natura visiva o comunque adatto a far perdurare lo stato di eccitazione. In caso di assenza dello stimolo, l'erezione cala rapidamente, quasi fino a scomparire.
Ho notato anche che rispetto a una volta, le erezioni spontanee diurne in presenza di uno stimolo che pur riconosco come eccitante sono sempre più rare.
Purtroppo il mio carattere insicuro mi ha impedito di avere fino ad oggi significative esperienze sessuali. Ho avuto soltanto due rapporti con due ragazze differenti, con prestazioni in entrambi i casi mediocri, anche se in quelle circostanze sento tranquillamente di poter attribuire la causa a fattori emotivi.
Questo stato di incertezza delle mia capacità erettive, unito alla mia inesperienza, sta davvero condizionando la mia vita e i miei rapporti con l'altro sesso in modo negativo.
Ho pensato ad un calo di testosterone: non so se sia un aspetto che possa in qualche modo essere legato, ma negli ultimi tempi mi pare di notare un calo delle capacità di concentrazione durante lo studio.
Un'altra domanda che mi sono posto è: può essere in qualche modo il fatto di seguire una dieta vegetariana a causare questo calo di erezioni?
So che per ottenere risposte certe dovrei rivolgermi di persona ad un esperto, ma per ora mi manca il coraggio per affrontare una simile evenienza, e volevo sapere da voi se il quadro da me descritto è davvero preoccupante.

Ringraziandovi anticipatamente per l'attenzione concessami, vi porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

la assenza di erezioni al risveglio non è sintomo di malattia.
I dati che lei riferisce nella attività masturbatoria e nelle due esperienze sessuali potrebbero far sospettare l'esistenza di qualche problema emozionale o fisico-circolatorio
Si rivolaga ad uno specialista
A Verona, Borgo Roma, potrebbe rivolgersi al dottor Giorgio Piubello responsbile dell'ambulatorio di andrologia, facile da raggiungere e da consultare
cari saluti