Utente 322XXX
Gentili Specialisti,
mio fratello disabile di 40 anni ha avuto un intervento a cuore aperto
per la sostituzione della valvola per insufficienza mitralica.
Il cuore era ingrossato e mandava germi ai polmoni con conseguente liquido.

Prima dell'intervento i battiti erano intorno ai 68/72 circa.
Solo dopo colazione, pranzo o cena c'era un piccolo aumento intorno agli 80 battiti.

Ora dopo l'intervento avvenuto 10 gg fa, ha battiti costanti 85/90.a riposo e di notte.
Ci sono state due aritmie rientrate in seguito a medicinale.
Dalla cardiochirurgia, ora è in pneumologia per risolvere del tutto
anche il liquido nei polmoni che pare stia diminuendo.

Volevo chiedervi: se a riposo adesso ha battiti 85/90 mi devo preoccupare dato che basta fargli fare due passi che sicuramente aumentano anche oltre?
Questi battiti tenderanno a regolarizzarsi scendendo di qualche unità?
Da quale soglia di battiti devo cominciare a presagire un avviso che qualcosa non va?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
E' assolutamente normale un incremento della frequenza cardiaca nel postoperatorio.

Si affidi ai colleghi che lo stanno seguendo e si tranquillizzi.

GI
[#2] dopo  


dal 2014
Ho dovuto attendere 8 gg per sentirmi dire: si tranquillizzi?

La ringrazio del consulto così celere e dettagliato.
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
" a riposo adesso ha battiti 85/90 mi devo preoccupare dato che basta fargli fare due passi che sicuramente aumentano anche oltre?"

Questa domanda non ha la benchè minima rilevanza clinica.

Da questo e da molto altro scritto nel suo consulto appare evidente che la medicina non è prettamente il suo ambito di interesse, per cui pensavo potesse bastare scriverle di come sia normale un incremento di frequenza cardiaca nel postoperatorio.

"Questi battiti tenderanno a regolarizzarsi scendendo di qualche unità?
Da quale soglia di battiti devo cominciare a presagire un avviso che qualcosa non va?"

Anche queste domande non hanno il minimo significato.

Non ha nessun senso monitorizzare il numero dei battiti cardiaci, il paziente potrebbe avere 70 battiti al minuto ed un problema anche serio di ritmo.


Ammetto quanto sia' complicato effettuare consulti gratuiti a distanza, navigando a vista tra informazioni scorrette o non significative, rispondendo quello che il richiedente vuole sentirsi dire.

In bocca al lupo

GI

[#4] dopo  


dal 2014
Ammetto quanta arroganza possa esserci da parte di chi sceglie di prestarsi per un servizio a distanza traendo conclusioni avventate su quanto io possa sapere o meno in merito alla medicina.

E' ovvio che non contano solo i battiti ma è anche ovvio che lei non è per nulla predisposto a dare consigli magari chiedendo particolari utili a poter rispondere in merito.

[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010


- "il cuore era ingrossato e mandava germi ai polmoni con conseguente liquido"

Il cuore non manda germi ai polmoni con conseguente liquido in nessun testo medico.

E' ovvio e assolutamente non avventato immaginare che non abbia la minima idea dei meccanismi basilari di fisiopatologia cardiaca.

In ogni caso non è questo il punto.

Non è opportuno consigliare alcunchè al parente di un paziente ancora in ambiente ospedaliero dopo una recente sostituzione mitralica con 80/90 battiti a riposo, perchè non c'è nulla di anormale in questo.

E' ricoverato e seguito in ambiente medico, le ho scritto di seguire i consigli di chi lo visita e lo segue giornalmente.

Punto e basta.

In questi anni ho fornito più di 400 consulti tramite questo servizio e credo di essere stato utile più di una volta.

Non è successo nel suo caso, me ne farò una ragione.

GI