Utente 757XXX
Buongiorno, qualche giorno fa ho fatto una visita da un andrologo perchè già da parecchio tempo noto un calo del desiderio e della potenza delle mie erezioni.
Dopo il colloquio e la visita, il dottore mi ha prescritto di assumere 2 volte alla settimana 10mg di cialis per un periodo di 2 mesi, a suo parere "il meccanismo si è un pò impigrito" e dopo questa cura tornerà tutto a posto. Cosa ne pensate?
Inoltre volevo chiedervi dove e come posso aquistare il cialis senza avere l imbarazzo di andare in farmacia?
Vi ringrazio infinitamente per il servizio che offrite...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,mi risulta ostico pensare che un andrologo Le abbia prescritto una terapia così prolungata senza averLa sottoposta ad accertamenti diagnostici che le linee guida della disfunzione erettile raccomandano.La richiesta di strade parallele per procacciarsi il medicinale rappresnta la via migliore per andare incontro a rischiose truffe etc.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

che il "meccanismo" impigrito possa mettersi in moto dopo due mesi di assunzione di Cialis mi sembra una affermazione un po' semplicistica o forse lei la ha capita così!
Il Cialis è un farmaco e non ci deve essere nessun disagio nell'andarlo ad acquistare in farmacia
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 757XXX

Iscritto dal 2008
Salve vi ringrazio per l'aiuto,
le linee guida non le conosco, comunque le posso dire che dopo il colloquio il dottore mi ha fatto un ecografia (non so se il termine tecnico sia esatto) nella quale vedeva in tempo reale: prostata, pene, testicoli...
Le parole che ha usato il dottore sono state proprio le seguenti, che il meccanismo si era un pò impigrito, poi non so cosa voleva dire veramente con questo.
Se pensate che le linee guida non siano state seguite, oppure che il mio problema non sia stato affrontato nella maniera corretta, mi potreste dare un consiglio?
Vi ringrazio
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...l'eccitazione sessuale maschile é un meccanismo neuro-vasculo-ormonale su cui riverberano dinamiche intrapsichiche e relazionali.
Alla luce di questa,purtroppo spesso dimenticata,definizione,da da sé che solo un andrologo esperto può essere decisivo per chiarire e risolvere il problema.Cordialità.