Utente 872XXX
Gentile Dottore,
mia madre, nata il 20/07/1948 ha avuto il seguente referto all'ecg dinamico 24 ore:
"Ritmo sinusale con frequenza media di 69 BPM interrotto da 2428 extrasistoli ventricolari polimorfe ed isolate e da 15 extrasistoli sovraventricolari in un singolo caso ripetitive".
A seguito di malesseri si era recata in pronto soccorso per accertamenti, ma non era risultato nulla di rilevante. Per questo le avevano prescritto l'esame sopra riportato. La pressione arteriosa è da sempre bassa, nell'ordine dei 90-60. Il medico di famiglia l'ha indirizzata da un aritmologo, che le ha fissato l'appuntamento per la fine di dicembre.
Avrei bisogno di delucidazioni sulla patologia, i possibili rischi, l'eventuale necessità di rivolgersi altrove per abbreviare i tempi di attesa, se necessario. La ringrazio per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Per quale motivo ha eseguito un holter? Quali malessere ha accusato?
Le extrasistoli ventricolari non sono poche, ma cmq isolate e questo è un buon segno. L'extrasistolia puo' essere dovuta a molteplici cause e non bisogna allarmarsi. Probabilmente l'aritmologo prescriverà un farmaco antiaritmico a basso dosaggio.
Mi faccia sapere, Ugo
[#2] dopo  
Dr. Gianni Staffilano
20% attività
0% attualità
8% socialità
()
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Carissimo utente , la risposta dell'Holter ecg denota una instabilità di membrana del sistema di conduzione cardiaco che in poche parole significa una eccitabilità dello stesso anomala per cui si hanno delle stimoli che non producono una normale contrazione ventricolare. Il fatto che abbia esguito un ecg sec holter è sicuramente dovuto alla sensazione di " palpitazioni" o malessere accusato in precedenza e se non ci sono cause extraorganiche ( Gastrite o comunque patologie gastro duodenali, disfunzione della colecisti e problematiche tiroidee che conviene indagare comunque), è necessario un test da sforzo per valutare l'eventuale modificazione del ritmo sotto sforzo. Sono a disposizione per un ulteriore consulto
[#3] dopo  
Utente 872XXX

Iscritto dal 2005
Vi ringrazio per la sollecitudine. L'holter è stato prescritto per via della sensazione di palpitazioni, poichè nè l'elettrocardiogramma nè quello da sforzo, eseguito però tempo fa, avevano evidenziato le cause del sintomo. Non soffre di gastrite o patologie duodenali, e la situazione sembra essersi intensificata dall'avvento della menopausa, per cui credo che in qualche modo abbia inciso sull'intensità e la frequenza delle "palpitazioni".
[#4] dopo  
Dr. Gabriele Di Gregorio
20% attività
0% attualità
4% socialità
CHIETI (CH)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
Bisogna valutare la funzionalità tiroidea, gli elettroliti sierici e la risposta allo sforzo fisico (se sotto sforzo l'aritmia scompare solitamente è buon segno). La valutazione di questi principali parametri è propedeutica ad un buon trattamento farmacologico che possa attenuare l'aritmia e quindi la anomala sensazione di "battiti d'ali" all'interno del petto.
[#5] dopo  
Dr. Gabriele Di Gregorio
20% attività
0% attualità
4% socialità
CHIETI (CH)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
Bisogna valutare la funzionalità tiroidea, gli elettroliti sierici e la risposta allo sforzo fisico (se sotto sforzo l'aritmia scompare solitamente è buon segno). La valutazione di questi principali parametri è propedeutica ad un buon trattamento farmacologico che possa attenuare l'aritmia e quindi la anomala sensazione di "battiti d'ali" all'interno del petto.
[#6] dopo  
Dr. Marco Marilungo
24% attività
0% attualità
8% socialità
APRILIA (LT)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2002
Salve. A quanto pare il momento scatenante potrebbe risalire all'inizio della menopausa. Ho parlato di momento scatenante, ovvero che in "sottofondo" qualcosa era già presente. Il cuore è stato studiato, non ci sono problemi dello stomaco ne' del duodeno, rimane da controllare la tiroide, o verificare se ci sono calcoli nella colecisti. Tuttavia... tuttavia ritorno alla menopausa, all'inizio della quale si possono "slatentizzare" (uscire allo scoperto)stati d'animo emotivi o ansie nascoste. Sua madre ha verificato, magari aiutata da un professionista, se sia questa la strada da seguire? L'aspetto.
Cordialmente
Marco Marilungo
[#7] dopo  
Utente 872XXX

Iscritto dal 2005
Provvederemo ad eseguire gli accertamenti consigliati. Vi terrò aggiornati. Ancora grazie.
Credo che sia da approfondire anche l'ipotesi del dr.Marilungo, la conoscenza diretta del soggetto mi lascia credere che sia probabile. Non tralascerò niente. A presto