Utente 325XXX
Salve,mi è stata praticata piu volte, fellatio da un partner sieropositivo. In materia vedo che ,anche solo rimanendo su questo sito, non ci sono idee univoche, ad esempio il dott. Corcelli considera questo rapporto a rischio per diverse mst ma non per HIV .

So che la saliva non trasmette hiv e sul mio pene io non ho visto sangue del mio partner, posso stare tranquillo o anche per una cosa del genere ,senza sangue visibile appunto, devo effettuare test?

Ho letto il documento che il dott.Laino posta spesso,ma non ho capito bene se un test sia consigliato anche in un caso come il mio.Grazie per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

il rapporto orale è fra tutti i tipi di rapporti quello da considerare generalmente a bassissimo rischio per HIV.

Il fatto di aver ricevuto più rapporti orali non protetti da partner affetto da HIV aumenta a mio avviso - seppur in maniera non determinabile - questo rischio.

Si affidi pertanto ad un venereologo per avere oltre al controllo clinico un orientato e preciso schema di analisi cliniche nei tempi corretti

per info generali

http://www.medicitalia.it/luigilaino/news/1330/Decalogo-di-prevenzione-sul-rapporto-sessuale-orale-non-protetto-il-terrore-dell-HIV-Co

cari saluti
[#2] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
La ringrazio per la risposta tuttavia non comprendo come mai ,nell'attesa di questa risposta,ne ho avute altre quattro (lila- anlaids-istituto superiore sanità- helpadis ) che mi dicevano di poter stare tranquillo se non ci fosse stato sangue copioso sul pene che avrei sicuramente notato


Non sicuro,ho contattato anche altre associazioni per s+ e mi è stato detto che non è considerato comportamento a rischio. Ancora non contento ho controllato su autorevoli siti americani e anche li viene scritto che infettarsi con sesso orale ricevuto da partner s+ "potrebbe essere impossibile ". D'altronde anche in italia la profilassi non la fanno fare in caso si sesso orale ricevuto da s+. Ora il rischio starebbe nel sangue, ma il mio partner non sanguinava, nonostante questo lei continua a ritenerlo rapporto a rischio? Non comprendo sul serio ... Io non voglio assolutamente ergermi a dottore,ma non crede che questa sua posizione possa essere "allarmistica" se non vengono fatti opportuni chiarimenti? Lei consiglia il test anche qualora non si sia notato evidente sangue? D'altronde il rischio starebbe solo in quello non nella saliva.

Il ragazzo con cui ho avuto rapporti mi ha detto che non mi avrebbe mai messo a rischio e infatti ha usato il profilattico nei rapporti penetrativi e non ha voluto ricevere sesso orale da me,nonostante abbia viremia irrilevabile da tanto tempo
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le ripeto - didascalicamente - che:
Il rischio è statisticamente molto basso ma non pari allo zero.
Se i rapporti non protetti sono consumati con partner chiaramente sieropositivi a mio avviso questo rischio bassissimo può essere più rilevante ma non è possibile stabilirne le percentuali. Lo dico in base al buon senso e alla mia esperienza clinica.
Il messaggio che deve passare da questa comunicazione va nel senso della tutela della salute, ovvero
"Rapporti sessuali sempre protetti in caso di promiscuità sessuale o dubbi sullo stato sierologico del partner".
"Effettuazione di un test HIV di ultima generazione e/o controllo venereologico in caso di dubbi per altre MST in caso di rapporti potenzialmente a rischio"
Questo a mio avviso non è allarmismo ma tutela della salute. Faccia ciò che crede del mio messaggio ovviamente. Io gliel'ho fornito in piena scienza e coscienza.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Dottore io la ringrazio per la risposta ma non capisco come mai questa disparità di posizioni.

Quello che volevo capire è : il rischio in cosa consisterebbe se non c'è stato il suo sangue visibile? Il sesso orale ricevuto è a rischio solo in un preciso caso,ovvero solo in caso di evidente sangue sul pene come dice il ministero della salute( caso direi davvero piu unico che raro),ma oltre questo caso lei lo considera comunque a rischio? Allora anche il bacio sarebbe a rischio ? Cioè lei il sesso orale ricevuto lo ritiene a rischio a prescindere dalla visibilità di sangue sul pene della persona sieronegativa? Questo non ho capito.Se si, perchè?
Mi è stato anche detto che non si faceva la profilassi per questo comportamento,a prescindere dal fatto che il partner avesse o meno viremia azzerata da tempo

Grazie mille
[#5] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2013
Dottore può dirmi in questo caso da me descritto il rischio in cosa consisterebbe? La saliva non è pericolosa giusto?
Chiedo anche per il passato ,dato che di fellatio ne ho ricevute in passato,e pure molte.