Utente 144XXX

Siccome mi è capitato di avere glicemia a digiuno dopo prelievo sangue a distanza di qualche anno su valori tipo 123 (nel 2014) , 115 (nel 2011) ,112 (nel 2012), ma dopo avere fatto glicemia glicata i valori sono sempre stati corretti e anche dopo ripetuti controlli con i glucosometri rapidi sia a digiuno che a due ore dal pasto ( e sono sempre risultati regolari) ...il medico mi ha detto solo di regolare la mia dieta per prevenire...quindi vorrei chiedervi:

- i controlli con i glucosometri sono affidabili?? a due ore dal pranzo o cena sono sempre rimasto entro il valore di 115...mentre a digiuno registro valori da 85 a 100..
. in ogni caso dopo due ore dai pasti è giusto essere all''interno di 140?
-
- Al pranzo in genere cerco di escludere il pane (salve nel week end) , solo a cena spesso utilizzo uno o piu pacchetti di crackers con queste caratteristiche, per le quali chiedo vostro giudizio se devo sostituire o meno con altro prodotto...(il primo valore è riferito ai 100gr, il secondo al pacchetto di cracker contentnte 4 o 5 barrette)
Grassi 12,5 g 4,2 g
di cui Grassi Acidi Saturi 1,9 g 0,6 g
di cui Grassi Acidi Monoinsaturi 3,5 g 1,2 g
di cui Grassi Acidi Polinsaturi 7,1 g 2,4 g
Carboidrati 70,0 g 23,3 g
di cui Zuccheri 2,0 g 0,7 g

- In genere non faccio colazione...può comportare scompensi?
-Faccio anche presente che in genere pizza,pane ,e birra tendono a gonfiarmi rapidamente e a saziarmi velocemente…ho anche pensato a qualche intolleranza al glutine…

Insomma voglio iniziare a seguire una dieta bilanciata in prevenzione per il diabete. (sono alto 1.73 per 77 kg) ...qualsiasi vs. consiglio è ben accetto.

GRAZIE



Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Salve.

Rispondo ai Suoi quesiti con lo stesso ordine:

- per una corretta attendibilità, faccia sempre riferimento ai valori rilevati in laboratorio tramite prelievo venoso. Un valore glicemico inferiore a 140 mg.a 120' dal pasto è da considerarsi nella norma;

- il consumo di carboidrati complessi, come il pane, è sempre consigliato ai pasti e preferito assolutamente a quello dei crackers;

- saltare la colazione è un grosso errore che può innescare alterazioni di tipo metabolico-funzionale;

- un'intolleranza al glutine si paleserebbe con sintomi ben precisi e non con semplice "gonfiore" (meteorismo), le cui cause vanno ricercate in altra direzione.


Prego.
[#2] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
pane meglio anche di cracker integrali? e per il pane è preferibile quello integrale? ...in commercio vedo anche fette di pane al farro , alla soia o quant'altro ..possono essere dei validi sostituiti al classico pane raffinato?

Per la pasta invece meglio quella integrale, al farro o altro?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
In linea generale ed in assenza di controindicazioni, cereali integrali meglio di quelli raffinati.


Prego.
[#4] dopo  
Utente 144XXX

Iscritto dal 2010
Ok grazie...per ultimo , ritornando ai misuratori portatili, lei ha evidenziato giustamente che il prelivo in laboratorio è affidable , ma se su 20 misurazioni fatte a casa ho una media a digiuno di 90 e dei valori a due ore dai pasti sempre entro i 120 , potrei ritenermi soddisfatto ? altrimenti mi viene da pensare che non servono a nulla queste macchinette...e per un vero diabetico che le utilizza quotidianamente potrebbero diventare anche "pericolose".
In un test condotto su diversi glucosometri notavo che il mio apparecchio (accuchek aviva) poteva avere variazioni nell'ordine di +10 / - 13 rispetto ad un riferimento...se mi baso su questi dati dovrei quindi essere abbastanza tranquillo...GRAZIE ancora!
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
L'automisurazione della glicemia con dispositivi medici portatili (glucometro o reflettometro) permette di ottenere una stima approssimativa dei valori aiutando, in particolare, i diabetici in terapia insulinica ad ottimizzarla o ad intervenire per migliorare la propria dieta o l'attività motoria.

Non deve pertanto essere considerata un mezzo per formulare autodiagnosi.


Prego!