Utente 519XXX
Gentile dottore,
Le chiedo la cortesia di un chiarimento. Ho letto che un calo ponderale (insieme ad attività fisica e rispetto di alcune indicazioni alimentari) può portare a un miglioramento o alla regressione completa dell'intolleranza glucidica.
Tale eventuale miglioramento è in genere dovuto a un bilancio negativo dell'introito calorico e quindi è destinato a svanire una volta che il peso si è stabilizzato, oppure è legato al diminuzione della massa grassa, e quindi dovrebbe permanere (salvo ovviamente altri fattori) una volta che peso si fosse stabilizzato?
Grazie
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Dionisio Pascucci

32% attività
0% attualità
12% socialità
BENEVENTO (BN)
PIETRADEFUSI (AV)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
una riduzione anche del 5% del peso corporeo può indurre notevoli benefici dal punta di vista glicometabolico, fino alla scomparsa della ridotta tolleranza glucidica.
Il beneficio persiste fino a che il peso ottenuto viene mantenuto e ovviamente se le modifiche igienico-dietetiche continueranno ad essere osservate il beneficio legato alla perdita di peso verrà conservato più a lungo.
Cordiali saluti
Dr.Dionisio Pascucci
dr.Dionisio Pascucci
Specialista in Diabetologia e Malattie del Ricambio