Utente 364XXX
Ho 55 anni ed una mia cara amica mi ha detto di essere stata operata per la presbiopia 2 mesi fa e di vedere bene per vicino nonostante i suoi 59 anni . Mi ha parlato di una tecnica che mi sembra essere pluvi o moltofocale ; qualcuno può darmi notizie in proposito?
Ringraziando
Molto distintamente
Anna Rita
[#1] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
CASERTA (CE)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Prenota una visita specialistica
Gentile Anna Rita,

Esistono, in effetti, tecniche che consentono anche la correzione soddisfacente della presbiopia. A mio avviso, i risultati migliori si possono ottenere con la tecnica Supracor e con la sostituzione del cristallino, efficace per la correzione contemporanea di ipermetropia medio-elevata e presbiopia.

Saluti!
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Citroni
28% attività
4% attualità
16% socialità
DARFO BOARIO TERME (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Gentile signora,

mi pregio essere il cosiddetto portabandiera di quella metodica da Lei accennata per la correzione della presbiopia ( PRK MULTIFOCALE ) in quanto oltre ad avere operato 174 persone per la presbiopia ed avere ottenuto il BEST PAPER alla SOI ( SOCIETA' OFTALMOLOGICA ITALIANA ) proprio con il lavoro relativo a questi interventi, sono anch'io un paziente operato dal collega Enrico Catone a Roma il 21/12/2012 ed ho la completa autosufficienza nella lettura senza bisogno di occhiali pur avendo ora 62 anni. L'intervento, nato da alcuni studi fatti anche all'estero e poi ampliati dal gruppo cui appartengo ( www.presbiopia.eu ) si basa sulla possibilità del nostro cervello di focalizzare le immagini in punti diversi della cornea adattando la messa a fuoco in base alla distanza dell'oggetto visualizzato; in pratica si trasforma, con un intervento di PRK la cornea in OCCHIALE BIFOCALE ( quei vecchi occhiali con le mezzelune sotto ) realizzando così una MULTIFOCALITA' CORNEALE.
Pregi: si usa un solo laser per effettuare la PRK quindi si riducono i costi dell'intervento non utilizzando anche un laser a femtosecondi e l'intervento è meno cruento in quanto si lavora solo sulla curvatura corneale Difetti: si ha un certo fastidio dopo l'intervento, anche se con l'utilizzo delle nuove radiofrequenze la riepitelizzazione corneale è molto più rapida ed il dolore è quasi assente. A 3-4 GIORNI DALL'INTERVENTO PUO' LEGGEREcon una buona illuminazione ed è una soluzione definitiva ed EVENTUALMENTE ripetibile..