Utente 219XXX
Salve a tutti !!
Mi rivolgo a Voi medici per mia figlia di 4 anni. Circa un anno fa io e la mia famiglia andammo a cena in un ristorante cinese vicino casa, mangiammo le solite cose da ristornate cinese, la bimba più piccola mangiò meno di tutti e si limitò a patatine fritte e spaghetti di soia. La sera dopo iniziò il nostro calvario che dura fino ad oggi. La bimba la sera seguente iniziò ad avere delle bolle sulla superficie del corpo, schiena, pancia, petto erano bolle piatte e dai bordi rosse più chiare al centro, le bolle che a me venivano quando il gatto di mia nonna mi graffiava, poi ho scoperto di essere allergico. Andammo in ospedale e li la ricoverarono per 4 giorni facendole tutte le analisi possibili, le prove allergiche, le analisi delle feci ecc ma nulla non trovarono nulla si limitarono a stabilizzarla con cortisone. Le furono fatte anche le analisi per la Celiachia, per allergia al rame ma zero....!!! Ricordo che queste bolle erano accompagnate da forti mal di pancia e difficoltà nell'andare di corpo. Siamo andati anche privatamente da altri medici ma non abbiamo risolto la situazione. Ad oggi è più di un anno che soffriamo questo calvario. C'è qualcuno in grado di aiutarci....manderò tutte le analisi e le cartelle al medico che fosse interessato. Grazie mille di cuore a tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Quelle che Lei definisce bolle (che per definizione sono persistenti e hanno un contenuto liquido), secondo la descrizione che ha fatto (pur non dando indicazione sulla durata della singola lesione) potrebbero essere in realtà dei pomfi. Il fatto che il problema esista da un anno senza aver individuato relazione con il consumo di alimenti (o gruppi di alimenti) o quantomeno con i pasti farebbe pensare a una condizione spontanea.
Se così fosse, una volta esclusa la presenza di particolari condizioni cliniche associate, il pediatra dovrebbe riuscire a controllare l'eruzione con la terapia farmacologica più appropriata al caso specifico.
Saluti,