Utente 527XXX
Buongiorno,
da qualche anno presento un problema di difficile diagnosi: durante tutte le stagioni(probabilmente con più frequenza d'inverno) ogni 2-3 giorni (l'intervallo non è costante) starnutisco in maniera continuativa con gocciolamento del naso importante. Tutto qui sembrerebbe normale se non vi fornissi questi dettagli: praticamente questi starnuti cominciano all'improvviso dal nulla(solitamente la mattina presto) e se vado a letto a dormire portando le coperte sopra il naso al mio risveglio stranamente non ho più alcun sintomo. Inoltre, quando mi coglie sul posto di lavoro può scomparire altrettanto improvvisamente dopo un certo numero di ore. Generalmente mi coglie la mattina al risveglio e va via in tarda serata, ma durante tutta la giornata l'intensità è sempre altissima impedendomi una qualità di vita almeno sufficiente.
Durante questi attacchi sento che una sorta di "indolenzimento" è localizzabile all'altezza del setto nasale. Ho notato che molte volte questi attacchi si verificano il giorno dopo aver avuto una giornata particolarmente nervosa oppure in occasione di giornate ventose(altre volte però anche in giornate ventose non sento alcun sintomo). Lo scorso anno ho deciso di farmi visitare da una dottoressa otorinolaringoiatra la quale, mentre le raccontavo i miei sintomi credeva la prendessi in giro(in effetti riconosco che i sintomi e le modalità con cui si presenta sono inusuali). Detto ciò ho cominciato a perdere fiducia nei dottori ed ho pensato di procedere all'autodiagnosi e relativa cura. Ho provato con Otriduo, Xyzal e Rinovagos, e soprattutto con quest'ultimo riuscivo a dilatare il periodo di "tregua" tra un attacco e l'altro(ogni 10 giorni), però nel momento in cui comparivano i sintomi non c'era nulla da fare se non aspettare che smettesse. Ultimamente ho provato con dei magneti al neodimio da collocare in cima al naso, sotto l'attaccatura degli occhi, ma gli attacchi si bloccano solo nel momento in cui applico i magneti, ma appena lo tolgo, ricomincia. Ora chiedo aiuto a voi, sperando di riuscire a capire di cosa si tratti. Se potete consigliarmi un buon centro dove fare una visita specialistica che magari si concentri in un'unica giornata. Resto a vostra disposizione per eventuali ed ulteriori dettagli.
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Claudio Ragno
24% attività
8% attualità
8% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Egr. Sig.re prima di rivolgersi a uno specialista allergologo puo' chiedere al suo medico di base di prescrivergli IGE totali (prist) e un esame che puo' effettuare in convenzione presso tutti i labor di analisi, tale esame potrà fare capire al suo medico di base se lei è un pz allergico o no , nel caso risultasse il valore delle IgE elevato solo successivamete dovra' rivolgersi ad un allergologo per eventuali test allergometrici allo scopo di individuare a cosa è allergico.
Certo di farle cosa gradita la saluto distintamente
[#2] dopo  
Utente 527XXX

Iscritto dal 2007
Gentilissimo Dott. Ragno, La ringrazio moltissimo per il Suo cortese riscontro.
Provvederò subito a seguire la Sua gentile indicazione.
L'occasione mi è gradita per porgerLe i miei più distinti saluti
Giuseppe Greco