Utente 370XXX
Buongiorno,sono un ragazzo di 33 anni e vi scrivo in merito ad un problema che sto cercando di risolvere da tempo ma non ne vengo a capo.
Tutto e' cominciato qualche anno fa con dolori ai testicoli che avvertivo solamente al contatto per cui non gli ho dato molto peso.
Poco tempo fa e' pero' successo che il dolore e' aumentato (soprattutto il testicolo sinistro) e il flusso di sperma era notevolmente diminuito (praticamente azzerato per poi uscire lentamente circa mezz'ora dopo l'atto sessuale).
Sono andato dal medico che mi ha prescritto una eco ai testicoli ed una visita urologica.
Dalla eco non e' risultato nulla,i testicoli sono a posto,nessuna orchite,epididimite o varicocele di sorta,dimensioni e posizione sono perfette etcetc.
Vado dall'urologo che mi sentenzia una infiammazione alla prostata e mi prescrive pelvilen forte 2 volte al giorno e idiprost gold 1 volta al giorno per 2 mesi.
La terapia e' quasi finita e la fuoriuscita di sperma devo ammettere che e' migliorata (in quanto a quantita') ma la scarsa spinta dello sperma e il dolore ai testicoli sono rimasti in piu' ho notato leggere tracce di sangue nello sperma.
Ho fatto eco addome completo ed e' risultato tutto a postissimo (prostata,reni,fegato e tutto cio' che si vede in una eco addome completo).
Sinceramente ora non so piu' a che santo votarmi.Io non prendo molto di stipendio e tutte queste visite che portano a nulla mi stanno dissanguando.Non so piu' cosa fare e mi pare che tutti i medici a cui mi sono rivolto prendano la cosa sotto gamba e vadano a tentoni. A me sta cosa sta negativamente condizionando la vita e il rapporto di coppia.
Avete suggerimenti?
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
La prostatite è spesso una patologia cronica di difficile cura. Non basta un semplice ciclo terapeutico per ottenerne la guarigione: sono necessari controlli ed aggiustamenti terapeutici con eventuale aggiunta di antiinfiammatorii e, soprattutto in presenza di una causa batterica documentata, di antibiotici.

Abbia fiducia nel suo Urologo e torni a controllo verificando l'eventuale miglioramento di taluni sintomi pur persistendo alcuni disturbi. L'emospermia rappresenta un evento nuovo che richiama l'attenzione sulle vescicole seminali che andrebbero studiate forse in modo più approfondito.

Non si preoccupi troppo di andare incontro ad ulteriori spese. L'importante è ottenere la guarigione dai suoi disturbi. Ci tenga informati.

A presto.
[#2] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Intanto la ringrazio moltissimo per la sua risposta che mi ha tranquillizzato non poco.
Volevo chiedere ancora una cosa, il dubbio che mi è rimasto è:ma una infiammazione alla prostata non dovrebbe vedersi dalla eco? Io ho dubitato della diagnosi "infiammatoria" in quanto dall'eco la prostata è risultata essere sana.
Settimana prossima intanto vedrò di prendere appuntamento dall'urologo come privato cosi accelero i tempi perche tramite ospedale passa sempre un sacco (tra l'altro dovrebbe essere lo stesso che presta servizio in ospedale).
[#3] dopo  
Dr. Ernesto Fina
28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2011
La palpazione trans-rettale della prostata è in grado di dare allo Specialista informazioni che l'ecografia non può dare quali la consistenza e la dolorabilità alla digito-pressione. Per tale motivo la DRE (digital rectal examination) rimane elemento fondamentale nell'iter diagnostico delle patologie prostatiche e vescicolari.

Mi fa piacere di averla tranquillizzata e di averle chiarito l'importanza della visita da parte di uno Specialista esperto.

Ci tenga informati.

A presto.
[#4] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Eccomi... Allora, dopo aver effettuato una eco al basso ventre dal quale non è risultato alcun tipo di problema (il lato positivo è che almeno so che per tutto il resto sono in formissima), ho prenotato una visita da un altro urologo che mi ha fatto una visita molto più approfondita.
Alla fine mi detto che prostata e testicoli sono sanissimi (mi ha fatto una eco in ambulatorio ed è rimasto qualche minuto a studiare quello che si vedeva e non come il precedente che dopo 5 secondi ha chiuso tutto) e di evitare di spendere altri soldi in visite per quelle.cose che nn servono a niente, l'unica cosa è che ho i testicoli mobili ma mi ha detto che ne riparleremo un giorno se dovessi aver problemi di fertilità.
sdraiandomi sul lettino ha notato che ho la schiena storta e allora mi ha toccato determinati punti che facevano malissimo e mi ha detto che secondo lui ho un problema al nervo che passa per l'inguine e che irradia dolore ai testicoli.Dolore che secondo lui per la maggiore è psicosomatico (quando toccava per controllare ero agitatissimo) e mi ha detto che son talmente convinto di sentire dolore che Alla fine ne sento più di quello che c'è.
mi ha dato da prendere levopraid 10 gocce mattino e 10 sera per "rilassarmi" e mi ha dato il numero di un osteopata.
Ora andrò da lui e vedremo che dice...