Utente 361XXX
sono un uomo di 41 anni ,premetto che soffro di gastrite da reflusso ,e da tempo anche di tachicardie improvvise nel sonno che arrivano sui 150 pulsazioni minuto,anche sotto cura con coverlam5/5 e bisoprololo 2,5mg.dopo vari esami ,come analisi del sangue ,holter pressorio,ecg dinamico 24h non sono ancora riusciti a capire come si scatenano queste tachicardie .volevo chidere se c'e'ancora qualche dottore competente che lo sappia grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
dovrebbe per cortesia riportare il risultato degli esami che ha fatto, specie l'holter, specdificando se la notte che indossava l'apparecchio aveva presentato un episodio come quello che ha descritto.
E' molto probabile tuttavia che il reflusso gastroesofageo, che si manifesta per lo più' di notte ed in posizione sdraiata , sia il responsabile di tutto
arrivederci
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
GRAZIE PER LA SUA GENTILEZZA,LE DICO L'INTERPRETAZIONE DELL'HOLTER PRESSORIO:MEDIE ORARIE INDICATIVE DI VALORI NEI LIMITI DELLA NORMA IN SOGGETTO DIPPER.MENTRE PER L'ECG DINAMICO E':EXSTRASISTOLIA SOPRAVENTRICOLARE CON UNA COPPIA ,RARI BATTITIECTOPICI VENTRICOLARI ISOLATI.LA SFORTUNA MIA E'CHE METTENDO GLI APPARECCHI NON SI SONO VERIFICATI GLI EPISODI DI TACHICARDIA,MA LI HO REGISTRATI CON L'APPARECCHIO PRESSORIO DA POLSO CON ESITI:ORE 00:00 PRESSIONE 180/103 CON PULSAZIONI 140.LE DICO PURE CHE L'ANNO SCORSO EBBI UN CALO DI POTASSIO CON PRESSIONE MASSIMA A 200 E 114 MINIMA CON IRRIGIDIMENTO DEI MUSCOLI.RIGUARDO LO STOMACO SONO STATO ANCHE IN CURA MA LE CRISI TORNAVANO LO STESSO
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se i valori pretori che lei riporta fossero confermati e' opportuno che lei inizi una terapia antiipertensiva, magari con beta bloccanti.
Si rivolga al suo cardiologo di fiducia.
Arrivederci