Utente 223XXX
Egregi Dottori, ho un bambino di quasi 5 mesi con un idrocele bilaterale fin dalla nascita notevolmente visibile. Il pediatra mi ha detto di aspettare e vedere se caso mai si riassorbe, valutandolo semplicemente con la transilluminazione, senza mai tastarlo. Facendo un ecografia di controllo il radiologo mi ha invece parlato di idrocele bilaterale teso non comunicante. In effetti da quando è nato il volume dell' idrocele non si è mai modificato, l'unico cambio di volume lo noto durante il bagnetto, in quanto con il caldo sembra aumentare un po' e con il freddo sembra ridursi. In caso di intervento chirurgico quando è preferibile eseguirlo? ed essendo non comunicante che tecnica di intervento si effettua?
Grazie
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Di solito si aspetta, specialmente nei comunicanti.
La necessità di un intervento, a questa età nell'idrocele non comunicante, deriva dalla "tensione" dell'idrocele.
Una visita diretta chirurgica pediatrica servirà a valutare l'opportunità o meno di intervenire chirurgicamente.
Prego.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 223XXX

Iscritto dal 2011
Salve dottore, la ringrazio per la risposta. Saprebbe dirmi, indicativamente, a che tipo di intervento mio figlio andrebbe in contro e se vi sono rischi per l' integrità' dei suoi testicoli, data la bilateralita' del problema.
GRAZIE.