Utente 808XXX
buonasera, sono due settimane che accuso un dolore non acuto ma direi ovattato sulla parte sinistra della pancia,10 cm sotto l'ombelico a sinistra(come se aessi fatto molti addominali in palestra) e all'interno coscia vicino al testicolo sinistro...non sono presenti bozzoli visibili tipo ernia.
il mio medico di famiglia dice che potrebbe essere un inizio di ernia e che non ci sono cure, cioè è inutile imbottirmi di farmaci ....
Ora il dolore mi è comparso in vacanza dopo qualche giorno che scendendo dal letto con la gamba sinistra accusai un forte dolore acuto sulla coscia pero' nella parte esterna tipo sciatica , è chiaro che non so se le due cose sono abbinabili.
Sono due mesi che non vado in palestra, l'unica palestra che ho fatto sono i rapporti sessuali, e devo dire che sento fastidio mentre lo faccio.
La domanda è: esistono esami, tipo ecografia o altri che possono dirmi con esattezza cos'è?
a quale specialista eventualmente devo rivolgermi ?
se fosse un inizio di ernia , possibile che non ci siano cure e l'unica è l'intevento?
e se invece fosse una tendinite ?
grazie delle risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Lo specialista che identifica l' eventuale presenza di un' ernia e' il chirurgo.
La terapia dell' ernia e' solo chirurgica.
La diagnosi in genere si ottiene con la visita, in rari casi ecografia e altre tecniche possono aiutare a dirimere dubbi. Auguri!
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
I sintomi riferiti alla regione inguinocrurale possono essere in correlazione con le più svariate affezioni degli apparati urogenitale e muscoloscheletrico oltre che con la presenza più o meno manifesta di un'ernia.
La coesistenza temporale di una irradiazione di tipo sciatalgico deve richiamare l'attenzione in questo senso.
La diagnosi di ernia nella stragrande maggioranza viene confermata dal solo esame clinico (visita), purchè effettuato da un Chirurgo in considerazione della specifica "sensibilità anatomica" di questo specialista. Solo in casi assolutamente eccezionali viene eseguita l'ecografia i cui risultati per altro risultano, almeno nella mia esperienza, non raramente fuorvianti.
Qualora la diagnosi di ernia della parete addominale (da non confondere con le ernie discali, come talvolta avviene) fosse confermata, non vi è alcun provvedimento terapeutico alternativo all'intervento chirurgico.
[#3] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
il dolore mi è venuto fuori dopo ripetuti rapporti sessuali..alcuni senza protezione...
non so se c'entra qualcosa....e dopo aver utilizzato mezza pasticca di Cialis per essere piu' performante.
In un primo momento ho proprio pensato che fosse dipeso da quello, anche perchè sono due mesi che non vado in sala attrezi, ma il medico di famiglia dice che potrebbe essere una cosa anche di vecchia data....
[#4] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
L'attività sessuale mette in sollecitazione tanto le porte erniarie quanto il rachide lombosacrale.
Non credo che il Cialis possa essere chiamato in causa.
[#5] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
cmq...mi sembra di capire che al 95 per cento è un ernia...la cosa imbarazzante è che solo l'intervento chirurgico puo' o dovrebbe salvo complicazioni risolvere il fastidio dell'ernia,perchè in effetti non è un dolore lancinante come per esempio la sciatica, ma è un fastidio che cmq non permette la normale attivita' fisica...in questo momento non posso certo andare in sala attrezzi...
ora il problema è avere il coraggio di operarsi e magari sapere anche da chi operarsi visto che vivo in Toscana.
Ma è un intervento difficile?
dovrei subire l'anestesia totale?

grazie
[#6] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Da quello che è possibile evincere a distanza, la diagnosi di ernia è tutta da confermare. Lei ha bisogno di una visita chirurgica.
In Toscana, come in tutta Italia, troverà facilmente risposta adeguata al suo problema, sempre che ve ne sia la necessità.
[#7] dopo  
Utente 808XXX

Iscritto dal 2008
salve dottori...per fortuna il medico di famiglia ha toppato...mi sono fatto visitare prima a un medico specialista in chirurgia e mi ha detto che no c'è nulla e poi da un ortopedico e mi ha detto che c'è una specie di stiramento al muscolo retto anteriore mi pare...
la cura....oki due volte al giorno dopo i pasti ,se non passa tra 10 giorni devo farmi rivedere.
niente intervento di ernia. :-)