Utente 311XXX
Salve,
circa due mesi fa sono stata aggredita da un uomo che mi ha afferrato la mano sinistra mordendomi il dito medio, l'indice e l'anulare.
Al PS sono stata medicata e mi è stata fatta l'antitetanica è prescritte analisi del sangue (epatiti e HIV). Non ho riportato alcun problema di funzionalità, ne formicolii. Ho curato le ferite disinfettandole e mettendo una crema cicatrizzante come indicato al PS. Le ferite più importanti erano due, al livello del dito medio, falange intermedia lateralmente.
Dopo circa tre settimane le ferite si erano richiuse e non ho sviluppato infezione, ma mentre indice ed anulare erano perfettamente guariti il medio restava più grosso e fibroso al livello della falange intermedia sia sopra che soprattutto sotto. Le cicatrici erano "dure" e sporgenti. Su consiglio del medico ho fatto un ciclo di terapia ad ultrasuoni abbinata a fisioterapia. A distanza di due mesi le cicatrici si sono ridotte e appaiono meno sporgenti e il tessuto fibroso appare un poco più elastico, ma da qualche giorno inizio a notare problemi circolatori. Il dito è lievemente più scuro degli altri e percepisco un live fastidio (come quando si ha il laccio emostatico, ma molto più lieve). Vorrei sapere se le cose potrebbero essere correlate e se il tessuto fibroso potrà divenire più elastico e meno voluminoso, perché il dito risulta ancora un po' più grosso dell'altro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

l'antitetanica mi sembra bella.....sarebbe la prima volta al mondo di trasmissione del tetano per morso umano.

Scherzi a parte, deve attendere altri 2 mesi che le cicatrici si assestino, cioè diventino di un colorito normale, soffici e sgonfie.

Buona serata.
[#2] dopo  
Utente 311XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Leccese,

La ringrazio per la celerissima risposta.
L'antitetanica sembrava fuori luogo anche a me, ma essendo sotto shock per l'aggressione ho fatto quanto il medico mi aveva proposto. Solo successivamente mi sono piuttosto innervosita pensando che non era neanche stato valutato alcun eventuale danno funzionale, motivo per il quale ho consultato un ortopedico e un fisioterapista.

Grazie di nuovo e complimenti per l'ottimo lavoro che svolgete su questo portale.



[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.