Utente 378XXX
Salve, sono una ragazza di 25 affetta da connettivite indifferenziata, prolasso valvola mitrale con moderata insufficienza mitralica e tachicardia parossistica, è le mutazioni dei fattori V di Leyden e i due mthfr.
Assumo cardirene da 75 mg,folina 10 gg al mese, e tenotmin 50 mg. Al momento nulla per la malattia autoimmune perché mi sento meglio al riguardo.
Scrivo questa richiesta di consulto alle 5 di mattina, dopo una nottata di forti e persistenti dolori alle gambe, che sono leggermente diminuiti dopo un massaggio con arnica e averle tenute sollevate. Non è la prima volta che ho questi dolori, ma stavolta mi hanno fatta impazzire... partono dal polpaccio sino all'attaccatura della gamba. Scrivo nella sezione angiologia perché un mesetto fa ho fatto in farmacia con una dottoressa un test per l'afflusso di sangue alle gambe, ed era risultata una moderata-grave insufficienza. Oggi sono stasera seduta a lungo, e questo mi capita ogni volta che durante il giorno faccio poco movimento. Quando faccio poco movimento, e resto ferma a lungo, oltre ad avere dolori notturni li ho anche durante il giorno. Ho sempre sofferto del fenomeno di raynaud a mani e piedi, e le gambe sono (anche in questa calda notte estiva, fredde e pallide). Inoltre(non so se può esser collegato),quando faccio movimento mi stanco facilmente e tende a mancarmi l'aria.
In famiglia ci sono stati episodi di tromboflebiti e embolia polmonare(nonna),ictus (mamma),infarto (papà ).
Vorrei sapere se secondo voi è effettivamente il caso di fare una visita da un angiologo o se è il caso di indirizzarmi verso un altro specialista (oppure se secondo voi questi sintomi sono del tutto normali).
Vi ringrazio sin d'ora.
[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,
i Colleghi chirurghi vascolari mi perdoneranno l'intrusione....
Una paziente come lei dovrebbe da tempo essere in terapia con anticoagulanti orali (Coumadin).
L'asprina che lei assume (Cardirene) non la protegge certo dalle temibili complicanze emboliche e trombotiche tipiche della sua malattia.
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio molto dottore per il suo consulto e la sua risposta... Purtroppo mi era stato detto dall'ematologo che il Cardirene bastava (poi un internista aveva detto che secondo lui non era adatto il Cardirene, ma non mi ha fatto impegnative per esami o visite)... Andrò dal medico di base a richiedere una visita ematologica, così da poter modificare la terapia.
La ringrazio ancora per la sua gentile risposta e per l'interesse dimostrato.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
è pazzesco sentire che a pazienti come lei vengano consigliate piccole dosi di aspirina anziché anticoagulanti orali a vita
la saluto cordialmente
[#4] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno, dottore... Eccomi con qualche aggiornamento.
Sono andata dal cardiologo, mi ha detto di mantenere cardirene e tenormin... io gli ho parlato di cambiare terapia:
- per quanto riguarda cardirene, ha detto che non avendo mai avuto eventi trombotici, non era necessario cambiarlo, seppur io abbia mutazione del V fattore di Leyden e dei due MTHFR tutti eterozigoti e familiarità per ictus, infarti, ecc..)
- gli ho chiesto poi se potevo cambiare il tenormin (un mese fa sono stata poco bene e al pronto soccorso il medico mi ha detto che esistono farmaci migliori del tenormin, che hanno lo stesso effetto, ma che non influiscono su altri organi, ecc..anche perchè a volte vado in bradicardia (hanno detto che salto molti battiti, più che andare in bradicardia) e a volte in tachicardia e fatico a gestire il farmaco come mi ha detto questo cardiologo.
Nel frattempo, i dolori notturni alle gambe continuano, il cardiologo non mi ha prescritto una eco al cuore di controllo o altro.
E ho ritirato oggi gli esami del sangue, tutti nella norma ma non capisco questo esame segnalato (se è segnalato):
P-LUPUS ANTICOAGULANTE (LAC)
LAC screen (dRVVT) 1.02 Ratio < 1.20
SCT (Silica Clotting Time) 1.83 * Ratio < 1.20
SCT dopo mix 1.23 * Ratio < 1.15
SCT confirm 0.96 Ratio N. < 1.20
Commento: La ricerca di
inibitori tipo LAC
risulta negativa

Cosa mi consiglia? Che ne pensa?
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
le ripeto quanto detto prima:
lei deve assumere Coumadin a dose sufficiente per avere un INT compreso tra 2 e 3
in caso di arteriopatie il beta bloccante è controindicato
arrivederxi
[#6] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio molto dottore per la veloce e gentile risposta.
Peccato che Lei sia così lontano!!!
E l'esame per il lupus anticoagulante è positivo o negativo?
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
c e scritto negativo
[#8] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Ok La ringrazio molto dottore