Utente 388XXX
Buongiorno! Vi chiedo un informazione in merito ad un incidente subito da mio figlio di 5 anni...,
...giorno 3 Agosto cadendo ha riportato una frattura biossea all'avambraccio sx, in pronto soccorso ci hanno detto che avrebbe dovuto tenere il gesso per 28 giorni, allo scadere dei quali sarebbe stato sottoposto a visita di controllo in poliambulatorio.
Contattato il call center per prenotare l'asportazione del gesso ed il controllo di routine, gli stessi mi comunicavano che il primo appuntamento utile che mi avrebbero potuto concedere sarebbe stato per l'8 di settembre. A tal proposito il mio quesito:
E' possibile trovare una soluzione (ad esempio effettuare la prenotazione passando per un altro ambulatorio, magari di un comune limitrofo) in modo da rispettare il termine previsto dai dottori del pronto soccorso?!!
So benissimo che tenere il gesso 8 giorni più del previsto non è una cosa gravissima, ma cè sempre da considerare che è un bambino di 5 anni! tralaltro cè da dire che mio figlio ne è molto risentito sotto il profilo psicologico..., non può andare al mare nè giocare liberamente proprio in questo periodo estivo che per i bimbi è molto importante! Dunque asportare il gesso alla data prevista mi consentirebbe (con il massimo delle cure e delle cautele da ottemperare) di poterlo portare qualche giorno al mare. grazie in anticipo!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Silvio Boer
28% attività
12% attualità
16% socialità
TORRE PELLICE (TO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Premesso che se dopo la confezione del gesso non è stata prevista una radiografia di controllo e neanche una visita a breve dovrebbe trattarsi di frattura non complessa ed in grado di guarire bene ed in tempi rapidi, di norma i tempi di prenotazione dovrebbero essere rispettati secondo quanto stabilito dal Medico che ha eseguito il trattamento. In ogni caso non è la settimana in più che puo causare un problema nella cura ma diventa maggiormente un problema burocratico e organizzativo. Considerato che siamo ormai al termine dei gg previsti dovrebbe avere risolto il suo problema e speriamo che suo figlio possa recuperare in modo rapido e senza particolari problemi. Cari saluti, Dr.BOER Silvio