Utente 512XXX
Buongiorno gent.li medici,
scrivo anche in questa specialità poichè sono preoccupata per un gonfiore alla gamba.
Da un paio di giorni avverto al tatto un "bozzo" alla gamba sinistra in corrispondenza della tibia (poco sopra la caviglia) la pelle appare arrossata e dolorante al tatto.
I "bozzi" erano inizialmente due. Uno dei quali però è "regredito" diventando al tatto una sorta di pallina (e non fa più male).
L'altro invece continua ad essere gonfio,arrossato e dolente.
Il medico generico mi ha detto che potevano essere delle "palline di grasso" che potevano sottendere un problema vascolare e mi ha suggerito di non far nulla!!
Da ieri, inoltre, controllando anche la gamba destra noto ai lati delle macchioline arrossate e al tatto un rigonfiamento della pelle (toccando il punto dove c'è la macchiolina rosa la pelle al di sotto è più "dura")
Non convinta dal suggerimento del medico generico ho deciso di scrivere per chiedere un parere. Di cosa potrebbe trattarsi?
E' opportuno però che vi dia ulteriori precisazioni al fine di fornirvi un quadro più chiaro:
- Sono alla decima settimana di gravidanza. Per un periodo di una decina di giorni ho assunto per via vaginale ovuli di progesterone (progeffik 200mg) per due volte al giorno mattina e sera e spasmex supposte. Attualmente assumo una compressa di acido folico al giorno;

- Ho fatto uso di contraccettivi orali (Milvane) per molto tempo, ma ho sospeso l'assunzione da quasi 2 anni e non ho mai riscontrato problemi circolatori. Preciso però che, riflettendoci ora, nessun medico mi ha mai prescritto accertamenti in merito e non so se i problemi circolatori possano essere asintomatici;

- Ricercando in internet avevo individuato qualcosa di simile nell'eritema nodoso. Ma rileggendo il foglio illustrativo degli ovuli di progesterone mi sono preoccupata che potesse essere un problema circolatorio.

Chiedo scusa se la descrizione non è forse precisa, ma sono preoccupata e per la gravidanza e per la situazione delle gambe non sapendo cosa possa essere. Eventualmente come devo comportarmi cosa può essere indicato fare? Grazie infinite per la disponibilità. Cordiali saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Una valutazione "generica" sulla cui base prendere in considerazione consulti specialistici andrebbe effettivamente fatta dal Medico di base.
Guardando le richieste di consulto da Lei precedentemente inoltrate rilevo che già Le era stata consigliata una visita dermatologica, cosa che in prima istanza e CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA mi sembra la più corretta. Escluse patologie di pertinenza dermatologica potrebbe essere opportuno indirizzare l'attenzione verso affezioni vascolari.
[#2] dopo  
Utente 512XXX

Iscritto dal 2007
Gent.le dott. Piscitelli,
La ringrazio molto per la risposta.
Nella stessa giornata di venerdì il medico di base mi ha consigliato di eseguire un Ecocolordoppler agli arti inferiori (cosa che ho effettuato venerdì stesso)
Le scrivo il risultato:

Assi arteriosi femoro-poplitei pervi e con flusso regolare bil.
ATA ed ATP pervie e con flusso trifasico bil.
Assi venori femoro-poplitei pervi, comprimibili bil.
Crosses safeno-femorali pervie e continenti bil.
Crosses safeno-poplitee pervie e continenti bil.
Ipotonia delle SI gamba con incomptenza valvolare a sinistra

Conclusioni: linfedema di grado lieve con noduli dolenti sottocutanei soprattutto alla gamba sinistra.

Mi è stato consigliato di eseguire le seguenti analisi : VES, TAS, PCR, reuma test, complementemia.

Mi è stato inoltre prescritta un applicazione di Locoidon crema 2 volte al gg. per 10 gg. Il medico mi ha detto che, nonostante la gravidanza posso utilizzarla.
Qual'è il suo parere?
RingraziandoLa in anticipo per la risposta invio cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La diagnosi di linfedema (?) non è correlata con l'ecocolordoppler che ha eseguito e probabilmente discende da una osservazione di tipo clinico sulla cui base le sono anche stati prescritti gli accertamenti ematochimici che riferisce.
L'ecocolordoppler ha rilevato una modesta insufficienza venosa superficiale che in ogni caso va considerata nel corso successivo della gestazione.
Tenga comunque al corrente di queste manifestazioni anche il Ginecologo che la segue.
[#4] dopo  
Utente 512XXX

Iscritto dal 2007
Gent.le dott. Piscitelli,
Sicuramente terrò aggiornato il ginecologo della mia situazione.
Provvederò nei prossimi giorni ad effettuare anche le analisi, sperando che il problema si risolva e che la gravidanza nell'andare avanti non complichi le cose.
Vorrei ringraziarLa nuovamente per la rapida risposta e per la disponibilità.
Se posso, le scriverò anche i risultati degli esami e la terrò aggiornata in merito.
Le auguro una buona giornata.
[#5] dopo  
Utente 512XXX

Iscritto dal 2007
Gent.le dott. Piscitelli,
mi scuso se Le invio un altro post. Sono di natura una persona curiosa e cercando in rete informazioni sul linfedema non le nascondo che mi sono preoccupata. Come si diagnostica il linfedema?
Cosa posso fare per capire se è effettivamente questo il mio problema?
Eventualmente a quale specialista posso rivolgermi?
Spero di leggerla nuovamente nel frattempo La saluto.
[#6] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Signora,
non a caso avrà notato che anche io, seppure con i limiti di una valutazione a distanza, ho manifestato qualche perplessità (?) su questa diagnosi. Il riconoscimento di questo tipo di affezione avviene prevalentemente sulla base di rilievi clinici (visita), anamnestici (storia familiare e personale) ed eventualmente, ma si tratta di un percorso impegnativo e giustificato da precise circostanze, strumentali (linfoscintigrafia, linfografia, ecc., in ogni caso improponibili nel suo stato, quand'anche ve ne fosse l'indicazione).
Credo che il primo passo da fare sia informare il suo Ginecologo e compiere una valutazione clinica generale.
[#7] dopo  
Utente 512XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno dottore,
La ringrazio dei chiarimenti.Farò come mi ha indicato.
Domani eseguirò le analisi. Contatterò il ginecologo.
La terrò aggiornata volentieri.
Buon lavoro e ancora grazie per il prezioso servizio che fornite.