Utente 391XXX
Salve Dottori,

Ho 34 anni ed è la prima volta che scrivo qui e volevo chiedere un consulto riguardo ad un sintomo che accompagna la mia prostatite sub.acuta.

il 04/09/15 mi è stata diagnosticata dall' Urologo che mi segue una prostatite sub.acuta :

E.O: genitali estreni nella norma
E.R: prostata volumetricamente nei limiti. Pastosa e dolente.
Ecografia prostatica: numerose calcificazioni in esiti flogistici.

la terapia che sto ad ora seguendo è la seguente:
Bactrim forte 1 cp 2 volte al giorno per 25 giorni
Zitromax 500mg 1 cp al giorno per 3 giorni consecutivi la settimana (per 4 settimane)
dopo 20 giorni dalla suddetta cura : Flagyl 250 mg, 1cp 2 volte al giorno per 20 giorni.
Leviaprost una cp al giorno per 3 mesi.

Seguirà poi rivalutazione tra 4 mesi previa spermiocultura e spermiogramma.

Allo stato attuale i sintomi sono in miglioramento e sto seguendo la terapia ma mi succede qualcosa che non riesco a spiegarmi: quando eiaculo (il dottore mi ha detto di farlo spesso per pulire la prostata da vari batteri) se lo sperma entra a contatto con la mia pelle quella subito si arrossa, come se rimanesse un alone rosso.
La mia domanda è: quell'alone rosso è sangue nello sperma (che alla vista sembra perfetto, bianco e denso come sempre) o è la mia pelle in qualche modo allergica al mio stesso sperma ?

Non trovando una risposta questo fenomeno mi mette un po' di ansia...vorrei capire se il mio sperma è mutato o se il mio corpo ha una qualche forma di allergia.

Grazie per la vostra eventuale risposta.
Cordiali Saluti
[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

se nelle urine e nel liquido seminale non emergono germi agli esami colturali la terapia antibiotica non avrebbe senso, Una eventuale terapia antinfiammatoria per lenire fastidi e disagi può avere una sua logica assieme a controllo dietetico, alcool, attività fisica, attività sessuale....
cari saluti