Utente 380XXX
Buona sera, vorrei richiedere un parere rispetto all'utilizzo di uno o più integratori.
Tre giorni fa, dopo una brusca manovra a pene eretto, ho sentito un dolore lungo l'asta del pene senza avere però ematomi evidenti, rumori strani o cose varie, anzi ho proseguito e concluso qualche ora dopo l'atto sessuale.
Avendo già fatto una visita andrologica con tanto di ecografia circa due settimane fa , oggi mi sono recato prima dal mio medico di base e poi al consultorio dove mi ha ricevuto un andrologo.
Il mio medico mi ha visitato e ha detto che non dovrebbe essere nulla di grave, mi ha segnato Flaminase e Tendens bustine per 20 giorni e mi ha detto di astenermi dai rapporti sessuali per 15 giorni fino a che un eventuale ematoma interno non si sarà riassorbito senza creare sequele importanti. L'andrologo invece ha ascoltato solo l'accaduto, senza visitarmi, e mi ha prescritto Fortilase per 15 giorni, e astensione dai rapporti sempre per 15 giorni.

Ora, se possibile vorrei capire quale terapia è più adatta in un caso come il mio. Non vorrei che seguendo una terapia sbagliata avrò problemi in futuro, anche perché oggi dopo 3 giorni dall'accaduto ancora permane un leggero dolore.

C'è qualche altro integratore più utile in questi casi?

Grazie, cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

un trauma al pene eretto potrebbe determinare lesioni interne del tessuto cavernoso senza evidenti segni visibili dall'esterno.
In questi casi l'atteggiamento più corretto è rappresentato da una terapia antinfiammatoria più o meno specifica, riposo sessuale per non ripetere traumi al pene e cauta ripresa della attività sessuale dopo un paio di settimane.
E' quello che verrebbe consigliato ad uno sportivo che ha accusato una distorsione del collo del piede durante la attività sportiva senza rigonfiamenti particolari, ematomi o dolori: Riposo, antinfiammatori, magari una fasciatura per evitare movimenti forzati
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la tempestiva risposta dottor Pozza. Vorrei approfittare per chiedere un'altra cosa.
Quando il pene è a riposo vedo una parte di cute più scura , quando tiro questo pezzo di pelle la parte scura non si vede più. Se fosse un ematoma si dovrebbe vedere anche a pene eretto? Oppure è possibile che sia un ematoma anche se a pene eretto scompare?

La terapia datami (Flaminase o Fortilase) è corretta oppure dovrei aggiungere Vitamina E come leggo in altri casi analoghi al mio?
Se è necessario posso fare una nuova visita urologica-andrologica.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,
farmaci simili, vit E???? perchè?
aspetti un paio di setimane
cari saluti
[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottor Pozza. La mia principale paura era di avere sequele dopo il trauma (dolori, curvature ecc..) ma lei mi ha tranquillizzato molto.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Salve dottore o per chiunque voglia rispondermi. Scrivo ancora per un aggiornamento. Visto che permane un leggero dolore al pene ho pensato che Martedì andrò da un altro andrologo per essere visitato.
Volevo chiedere se è possibile che un trauma al pene che non lascia segni evidenti e mi permette una buona erezione (ma causa dolore del pene a riposo) come nel mio caso sia possibile che lasci delle conseguenze.

Inoltre vorrei chiedere se dalla visita andrologica è possibile escludere danni maggiori oppure è necessaria l'ecografia (che a quel punto non so' quando potrò fare)

Mi scuso della mia "insistenza" ma spero possiate capire la mia ansia.