Utente 370XXX
Buonasera, scrivo per chiedere dei pareri riguardanti le tante odiate adiposità localizzate. Io sono un ragazzo, ho 24 anni, 1:80 X 75, apparentemente molto magro (come molti dicono) ma con questi fastidiosissimi "cuscinetti" di grasso localizzato specialmente su addome, fianchi ed interno coscia (zone interessate specialmente per le donne, a quanto leggo)e forse anche leggermente sul petto. So che è un "problema" poco serio, non ho delle adiposità esagerate, anzi...ma quando mi guardo allo specchio, o quando mi piego che la pelle in eccesso è ancora più accentuata, non posso fare a meno di notarle. Un mesetto fa mi sono sottoposto ad una seduta di criolipolisi con macchinario cooltech e, poi, a due successive sedute di radiofrequenza con macchinario exilis. Devo essere sincero, la pancetta addominale sembra essere leggermente rassodata, addirittura e le smagliature (di cui ne ho un bel pò sull'addome, si sono notevolmente schiarite). Detto questo, ho comunque letto pareri di esperti che affermano che la prima tecnica (crio) non sortisca alcun effetto, mentre la seconda sia addirittura dannosa col tempo perchè andrebbe e danneggiare le fibre di collagene inizialmente stimolate dal trattamento.
A questo punto mi chiedo: oltre l'intervento di liposuzione (di cui comunque non ho obiettivamente bisogno, tantomeno potrei permettermelo) ci sono altre tecniche che possono AIUTARE, non voglio proprio dire risolvere, il problema di queste dannate zone adipose? Ho letto qualcosa sulla carbossiterapia, mesoterapia, massaggi particolari e altro...ma ormai mi viene da dubitare un pò su tutto.
P.S: Pratico tennis da un paio d'anni ormai a livello agonistico (ed è stato lo sport che mi ha permesso di perdere molti chili) e da un mesetto circa palestra proprio per poter rassodare e tonificare dove si può perchè, nonostante la notevole perdita di peso (chi mi vede dice che sono molto molto magro), come dicevo prima, il grasso in eccesso su alcune zone (addome, fianchi ed interno coscia per me) non vuole andare definitivamente via. Mangio, almeno cerco, bene...pasta e pane integrale, cereali tra cui farro, riso, legumi, carne bianca, uova, verdure, faccio colazione con latte di riso e biscotti integrali alternati a giorni con cereali, il tutto accompagnato da un frutto che sia mela o banana prevalentemente.
Chi mi legge può pensare che sia un "fissato", e forse un pochino è anche così, ma vorrei conoscere proprio un vostro parere spassionato perchè dopo tanti anni di prese in giro, diete fallite, pigrizia totale, ormai grazie al tennis e al fatto che ora mi piace praticare attività fisica e movimento..vorrei sapere se questi inestetismi possano in qualche modo andare via oppure se è il caso di "rassegnarmi".
Vi ringrazio e mi scuso per essermi dilungato.
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Salve.

Dopo aver letto il Suo post e con i limiti di un consulto telematico, la invito a soffermarsi su questo articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/medicina-estetica/1516-liporiduzione-chirurgica.html


Prego.
[#2] dopo  
Dr. Cesare Giampietro
32% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Salve
tra le possibilità da considerare per la riduzione delle adiposità localizzate le suggerisco la carbossiterapia in associazione ad iniezioni di intralipoterapia con sodio dessosicolato.
Le sconsiglio la mesoterapia perché non efficace e la fosfatidilcolina perché ritirata dal commercio in quanto responsabile di fenomeni di necrosi (sebbene venga purtroppo ancora utilizzata).
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. Giampietro,

prima di scrivere inutilità sull'utilizzo della fosfatidilcolina ti invito a soffermarti attentamente sulle normative giuridico-legislative onde evitare...qualche problemino di natura legale con alcune società scientifiche!

http://www.medicitalia.it/serafinopietromarcolongo/news/2564/Fosfatidilcolina-e-liporiduzione-non-chirurgica-normativa-per-l-utilizzo

[#4] dopo  
Dr. Cesare Giampietro
32% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Gentile Collega
Il mio è un parere, infatti utilizzo la parola 'sconsiglio', non ho scritto che l'utilizzo è vietato e nemmeno ho scritto la parola 'inutile'. Non vedo quindi perché dovrei avere problemini di natura legale con Società Scientifiche di cui anche io faccio parte. Inoltre nel mio percorso quadriennale di studio in Medicina Estetica i miei insegnanti (facenti parte anche loro delle medesime Società Scientifiche) ci hanno sottolineato le problematiche che possono derivare dall'utilizzo della fosfatidilcolina.
In letteratura ci sono alcune evidenze sul fatto che tale sostanza causi necrosi piuttosto che apoptosi come per esempio in questo studio pubblicato sul Journal of European Academy of Dermatologoy and Venereology (I. F. 2,826, ISi Journal Citation Report 2014 11/63) ed effettuato al microscopio:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22280507
So benissimo che l'utilizzo off label di qualunque farmaco in Italia è' autorizzato, ma io nella mia pratica clinica preferisco attenermi ai soli utilizzi in label di farmaci regolarmente autorizzati dal Ministero competente.
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Beh, se i tuoi "insegnanti" sulla scorta delle proprie esperienze ti hanno traumatizzato...non vuol dire che le migliaia di Colleghi più esperti siano così sciocchi da far rischiare necrosi ai propri pazienti.

Per ulteriore riconferma, onde evitare terrorismo psicologico agli ignari lettori, riporto il decreto legislativo (non pubblicazioni "scientifiche" di parte!) sull'utilizzo della sostanza.

http://www.medicitalia.it/serafinopietromarcolongo/news/2564/Fosfatidilcolina-e-liporiduzione-non-chirurgica-normativa-per-l-utilizzo


Sic et simpliciter!

Chiudo qua e ti auguro buona vita.


P.S.: A proposito di sostanza...è sempre disponibile nel nostro Paese su prescrizione medica e come preparato galenico. Ben diverso è il farmaco...contenente la sostanza e ritirato dal commercio diversi anni fa!