Utente 112XXX
Salve. Circa 6 anni fa mi è stata diagnosticata una dilatazione dell'aorta ascendente (46.2 mm).
Da allora con una frequenza quasi annuale ho fatto dei controlli da un cardiologo e la dilatazione si aggirava tra 46 e 47 mm.
Da uno degli ultimi controlli effettuati (in data 21/8/2015) risultava: Ecocardiogramma. Ectasia del bulbo e aorta ascendente (max 48mm).
Mi rivolgo a un cardiochirurgo che mi prescrive una angio tc (eseguita in data 8/9/2015) in cui risulta: dilatazione aneurismatica dell'aorta toracica ascendente con diametro subito al di sopra dei piani valvari pari a 50.5 mm ed in regione pre-istmica pari a 50.7.
Lo stesso cardiochirurgo riporta nel suo referto: Ecocardiogramma: mitrale lembi mobili ispessiti.
Aorta: Semilunari mobili ipsessite; seni di Valsalva e giunzione sino tubulare ectasici (diam. max 43 mm). Aneurisma dell'aorta ascendente con diam. max 50 mm. Doppler: insufficienza aortica minima.
Ho consultato in seguito altri due cardiochirurghi e tutti mi hanno consigliato di intervenire.
Il primo chirurgo mi dice che oltre a sostituire il pezzo di aorta potrebbe essere necessario cambiare il bulbo e la valvola aortica (decisione che prenderebbe una volta aperto il torace).
Il secondo mi dice che è necessario cambiare il bulbo ma che è in grado di salvare la valvola aortica (se ricordo bene mi ha parlato di una certo metodo di David).
Il terzo mi dice che non è necessario cambiare il bulbo ne tanto meno la valvola aortica (che secondo lui è perfetta) ma soltanto sostituire il pezzo dell'aorta ascendente.
Qualcuno è cosi gentile da darmi ulteriori indicazioni su questi pareri contrastanti per poter capire a chi affidarmi?
Grazie per il vostro tempo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Da quanto riporta e purtroppo senza alcun conforto di immagini, propenderei per la sostituzione della sola aorta ascendente, come le suggerisce il terzo parere.

GI
[#2] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Grazie Dr Iaci per la sua risposta. Se mi permette vorrei fare un'altra domanda. Mi sono dimenticato di riportare che in un ecocardiogramma del 2011 il bulbo era riportato di 38,2, quindi sembrerebbe che c'è stata una dilatazione nel corso degli anni. C'è qualche probabilità o statistica che dopo l'intervento (sostituendo solo l'aorta ascendente) la dilatazione del bulbo possa continuare e trovarmi di fronte la necessità di un altro intervento? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Esiste questa possibilità, ma in questo momento le dimensioni della radice, non giustificano a mio avviso un trattamento ai miei occhi un po' troppo aggressivo.
Lavorare sulla radice aortica aumenta in modo significativo il rischio operatorio e si deve fare solo se effettivamente necessario.

GI
[#4] dopo  
Utente 112XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille per la sua risposta. Questo mi rincuora molto