Utente 393XXX
Buongiorno dottori! Volevo chiedervi un parere riguardo un disturbo che ho da un po' di tempo.
Premetto che ho 25 anni e che essendo una disegnatrice disegno molte ore al giorno e spesso uso il computer perciò ho il gomito sempre piegato. È da più di un anno che avverto dei problemi al gomito sinistro (sono mancina) anche se talvolta li sento in maniera più leggera anche al destro. Innanzitutto quando ho il braccio piegato e muovo le dita sento in modo chiaro che il tendine del gomito esce dalla sua sede, come se ci fosse un accavallamento (lo sento nella parte interna del gomito). Prima non avevo mai avuto una sensazione del genere. Inoltre mi capita di avere dei dolorini sia nella zona esterna e che interna del gomito e un formicolio fisso nella parte sinistra del palmo della mano sotto il mignolo e l'anulare, che alcune volte si estende anche al polso sempre nella parte sinistra. Il lato sinistro della mano lo sento sempre un po' indolenzito soprattutto il mignolo. All'inizio ho trascurato un po' la cosa pensando che col tempo sarebbe passata da sola, sentendo però un peggioramento del formicolio e dei dolori qualche giorno fa mi sono fatta vedere dal medico di base che tastando il gomito ha riscontrato la presenza di un po' di liquido e un principio di tendinite. Mi ha prescritto una cura di una settimana di ibuprofene che inzieró domani. Quando gli ho chiesto se fosse il caso di farmi vedere da un ortopedico mi ha tranquillizzato dicendo che non c'era bisogno. Io però non mi sento totalmente sicura e ho paura che la situazione possa peggiorare e diventare un ostacolo per il mio lavoro. So che è impossibile fare una diagnosi a distanza però volevo chiedere un vostro parere riguardo la mia situazione e se secondo la vostra opinione ci fosse la necessità di una visita ortopedica.
Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

non credo proprio si tratti di un tendine che si sposti dalla sua sede naturale: a livello del gomito, infatti, i tendini si inseriscono sull'osso, non transitano.

Si tratta, quasi certamente, di un nervo, l'ulnare, che passa proprio sul lato interno del gomito e che fornisce la sensibilità a mignolo e anulare.

Sembra sia una lussazione ricorrente del nervo dalla sua "doccia" ossea (epitrocleo-olecranica).

Deve farsi vedere da un chirurgo della mano e fare un'ecografia "dinamica" (con movimento del gomito), che dimostri il mio sospetto diagnostico.

Buona domenica.
[#2] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
Salve Dottor Leccese,
la ringrazio per la sua risposta.
Non pensavo che potesse essere il nervo ulnare a spostarsi ad ogni movimento delle dita! Prenoterò al più presto una visita da un chirurgo della mano.
Nel frattempo volevo chiederle ma nel caso in cui la diagnosi fosse la medesima, l'unica strada sarebbe l'intervento? E in più in base alla sua esperienza, l'intervento dà buoni esiti? Intendo la mobilità e la forza del braccio verrebbe compromessa o rimarrebbe invariata?

La ringrazio per la sua disponibilità!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Chiedo scusa: è il movimento delle dita o del gomito a provocare questo "spostamento"?
[#4] dopo  
Utente 393XXX

Iscritto dal 2015
È il movimento delle dita. Quando ho il gomito piegato o semipiegato e muovo le dita sento nel gomito un accavallamento/spostamento. Mi succede anche quando faccio qualsiasi movimento dal tagliare con le forbici fino ad aprire una bottiglia d'acqua. Insomma ogni volta che compio un qualsiasi movimento con le dita con gomito semi piegato (quando è steso e muovo le dita non avverto alcun spostamento).
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Andrebbe documentata la cosa durante il movimento, con un'ecografia dinamica.