Utente
Gentilissimi dottori. Sono qui ad esporvi un problema che cerco di risolvere da ormai due anni!!! Due anni fa a causa di un lavoro pesante ho iniziato ad avvertire un dolore alla spalla destra, così su consiglio di un neurochirurgo effettuò una risonanza la quale evidenzia soltanto un piccolo versamento tra il sovraspinoso ed il legamento coraco-acromiale, mi reco da uno specialista chirurgo della spalla il quale mi pratica un infiltrazione e mi dice di fare tens e posturale... Eseguo le terapie che non dando risposta aggiungo la magneto terapia. Dopo due mesi la mia spalla era praticamente bloccata ogni movimento era doloroso. Eseguo in altra risonanza la quale evidenzia tendinopatia di alto grado del tendine sovraspinato con segni di tendinosi in sede inserzionale e preinserzionale con probabile calcificazione e presenza di liquido nella borsa SAD. Torno dal mio ortopedico il quale insospettito da una lesione decide di operarmi e mi pratica una seconda infiltrazione. Dopo un mese mi opera e non avendo trovato una significativa lesione mi dimette con questa diagnosi: tendinosi micro calcifica del sovraspinato, tendinosi clb in spalla iperlassa. Eseguita artroscopia di spalla, bursectomia e rimozione calcificazioni. Iniziò la riabilitazione quindi mobilizzazione attiva e passiva, laser terapia e tens. Dopo due mesi dall'intervento subìsco un infortunio con braccio alzato e intra ruotato sento un forte strappo ed un dolore lancinante che mi impediva ogni minimo movimento, su consiglio del fisioterapista eseguo una ecografia la quale afferma ridotto lo spazio sub acromiale, il tendine sovraspinoso appare ispessito come per tendinite con Modica lussazione inferiore del tratto inserzionale senza evidenti lesioni significative, il clb appare avvolto da edema e slaminamento edematoso della borsa. Parlando con l ecografo mi disse che il tendine era appena lesionato ma non evidente. Chiamo il mio ortopedico che mi consiglia una risonanza svolgo la risonanza la quale da lo stesso ed identico risultato di quella che avevo fatto prima di essere operato con l unica differenza di una presenza di liquido maggiore rispetto alla precedente ma non accenna del clb e della lussazione. Torno dall ortopedico il quale afferma che il mio problema era la scapola che non funzionava cosa non vera e mi fa una terza infiltrazione e mi rendo conto che c'era qualcosa che non andava in quell intervento. Da allora ho avuto altri episodi di infortuni a volte mi capita di muoversi all improvviso e sentire un fortissimo dolore che mi impedisce i movimenti, mi sono molto dolorosi i movimenti di flessione e rotazione e a volte ruotandola la sento che scatta... Sono 4 mesi che pratico terapie e le ho provate veramente tutte, laser terapia, tens, magneto terapia, rinforzo muscolare, ultrasuoni ed addirittura la tecar... Ma non si vedono risultati. Ora mi chiedo ma questo medico mi ha operata o no? Perché non risolvo? Cosa succede in questa spalla?

[#1]  
Dr. Luigi Grosso

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)
NAPOLI (NA)
RAPALLO (GE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile signorina,
la storia che ci ha raccontato è ben descritta ma non sufficiente a chiarire molti dati non perfettamente specificati nel suo scritto.
1. che diagnosi le è stata posta
2. che tipo di intervento ha avuto
3. che infiltrazioni ha effettuato, di che tipo e dove (in che zona anatomica per intenderci)
4. gli esami strumentali che ha eseguito andrebbero visti poiché la sola lettura non basta.
Detto questo perché non prova a parlarne con il collega e nel caso non fosse soddisfatta può sempre rivolgersi ad un altro specialista.
Mi tenga informato.
Auguri
Dr. Luigi Grosso - Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Busto Arsizio (VA) - Rapallo (GE) - Napoli
www.luigigrosso.net - www.saluteinspalla.net

[#2] dopo  
Utente
Come diagnosi inizialmente mi era stata data una sindrome da conflitto per discinesia scapolo toracica, successivamente mi è stato detto che avevo una lesione e quindi sono stata sottoposta ad intervento ma non essendoci una lesione si è limitato alla rimozione calcificazione e bursectomia... Come infiltrazioni era cortisone praticate nella parte posteriore della spalla che mi facevano star bene per un paio di mesi ma dopo stavo peggio di prima... Sono tornata da lui a chiedere spiegazioni riguardo la risonanza e l infortunio subìto ma l unica risposta che mi ha dato che devo andare avanti con infiltrazioni e terapie... Ora dottore secondo lei è possibile che una risonanza mi esce identica è peggiorata prima e dopo l intervento? Io vorrei capire cosa è successo quando ho subìto l infortunio... Ora mi è doloroso fare movimenti rotatori e flessione. Grazie per la risposta!

[#3] dopo  
Utente
Dottore buonasera. Oggi sono stata a visita da uno specialista chirurgo della spalla il quale mi ha diagnosticato un acromion molto curvo ed un instabilita multi direzionale AMBRI, quindi mi trovo con un intervento già fatto in cui bisognava praticare un acromion plastica che non è stata fatta. Ora lo specialista mi ha consigliato rinforzo con elastici e ciclo di onde d urto e se la sintomatologia non migliora in 6 mesi, pensa ad un ulteriore intervento. Cosa ne pensa lei?

[#4]  
Dr. Luigi Grosso

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
BUSTO ARSIZIO (VA)
NAPOLI (NA)
RAPALLO (GE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Beh ..., non potendo avere dati clinici utilissimi per poter esprimere un mio preciso pensiero, ritengo che se il collega ha deciso in questo modo avrà senz'altro validi motivi.
AUguri
Dr. Luigi Grosso - Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Busto Arsizio (VA) - Rapallo (GE) - Napoli
www.luigigrosso.net - www.saluteinspalla.net

[#5] dopo  
Utente
Attualmente mi trovo dopo già 5 mesi di terapie dopo l'intervento con un forte dolore nei movimenti di flessione e rotazione la quale mi è molto ma molto dolorosa come se si bloccasse la spalla.