Utente 395XXX
Salve sono un ragazzo di 21 anni, premetto di non aver mai contratto questa malattia infettiva.. Tutto nasce circa domenica scorsa, i sintomi iniziali sono stati mal di gola e catarro.. Di seguito ho iniziato a prendere augmemtin, due volte al giorno per 5 giorni e zerinol dopo i pasti.
Nel giorno di Mercoledi sono venute fuori le placche e quindi difficoltà a deglutire, vampate di calore e temperatura corporea che balzava, tutt'ora adesso tra la norma e i 37,5 circa.
Ho molta secrezione di catarro e qualche traccia di sangue al suo interno;
Ieri sono stato visitato dal mio medico curante che mi ha prescritto: tampone, analisi del sangue e delle urine.
L'antibiotico non ha avuto alcun effetto e ora attendo le risposte degli esami, nel frattempo in casa c'è mia nipote di 8 mesi, che insieme a mia sorella ( la mamma) vivono con noi.
Vorrei sapere nel caso in cui gli esami confermino il virus, quali rischi corre la piccola e come evitare che lei venga contagiata, come lei anche il resto della famiglia.
Quanto tempo ci vorrà prima che possa tornare all'universsità e tornare a "vivere" normalmente.
Ringrazio anticipatamente i professionisti che continuamente si mettono a disposizione su questo blog.
Confido nella vostra considerazione.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Salve,
non si capisce se la mononucleosi sia stata confermata sierologicamente o sia un sospetto clinico.
Glielo dico perché se davvero lei ha la mononucleosi l'Augmentin che contiene Amoxicillina va immediatamente sostituito: diversamente rischia una eruzione cutanea di entità anche grave.
La mononucleosi si contagia con la saliva: stoviglie e altro che ne sia contaminato.
Anche le goccioline di Flugge possono essere veicolo del virus: quindi eviti di parlare a distanza ravvicinata ma non si chiuda nel mutismo :)
Saluti cordiali,
Caldarola.