Utente 839XXX
Buonasera, mi chiamo Andrea. Ho 21 anni, sono alto 1,79m e peso 88 kg. Sono stato operato da un mese circa di varicocelectomia di 3° stadio al testicolo sx con tecnica microchirurgica secondo Goldmand tramite microscopio.
Ad oggi, alla visita di controllo il problema del varicocele è risolto, controllato tramite dopler. Eseguendo degli esami ematologici, consigliati dall'urologo, ho riscontrato tali valori:
LDH 293 (240-480)
FSH 2.23
LH 2.15
PROLATTINA 17.15 (3-15)
17 BETA-ESTRADIOLO 19.72
HCG 0.1 (0-5)
TESTOSTERONE 2.77 (2.80-8)
AFP 0.8 (0-6)

L'urologo mia ha fatto eseguire tali esami perchè c'era una sospetta ginecomastia, che è stata però verificata con una ecografia alle mammelle con esito negativo per ghiandola mammaria e riscontro unicamente di tessuto adiposo su entrambi i lati.
Prima dell'intervento, feci uno spermiogramma che dimostrava:
VOLUME 4.50
COLORE AVORIO
ASPETTO OPALESCENTE
VISCOSITA' ASSENZA DI FILAMENTO
FLUIDIFICAZIONE A 60 MINUTI COMPLETA
PH 7.8
CONCENTRAZIONE SPERMATOZOI
NUMERO 7MIL/ML
NUMERO TOTALE 32MIL/EIAC.
MOTILITA'
TOTALE 20%
RAPIDAMENTE PROGRESSIVA 15%
LENTAMENTE PROGRESSIVA 5%
NON PROGRESSIVA 0%
VITALITA':
TESTA ALL' EOSINA 30%
MORFOLOGIA DEGLI SPERMATOZOI
TIPICHE 70%
ANOMALIE TESTA 10%
ANOMALIE TRATTO INTERMEDIO 20%
ANOMALIE FLAGELLO %
ESAME MICROSCOPICO: assenti agglutinazione, cellule rotonde, leucociti ed emazie.

Inoltre soggettivamente noto che il liquido seminale è abbastanza denso anche se poi si liquefa ed inoltre durante l'atto sessuale non ho problemi erettili ma la durata dell'atto sessuale è corta.


In seguito a tutti i dati riportati, pensa che ci sia la possibilità che io sia sterile? Oppure ritiene che lo spermiogramma alterato in motilità e concentrazione degli spermatozoi sia dovuto unicamente al varicocele? Riguardo agli ormoni ritiene siano molto alterati ed eventualmente è possibile una terapia che risolva il problema una volta intrapresa o dovrò sottopormi a terapia fissa per tutta la vita? Come si spiega la corta durata dell' atto sesuale e la formazione del liquido seminale denso?
Cosa ne pensa della tecnica utilizzata per la varicocelectomia(microchirurgia secondo goldman tramite microscopio)?

Grazie per la Vostra collaborazione, attendo presto una Sua gentile risposta.

Distinti saluti, Andrea.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Moiso
28% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
non ho esperienza diretta della correzione del varicocele con tecnica microchirurgica (utilizzo un approccio chirurgico con incisione subingunale e, in alcuni casi, mi avvalgo degli occhiali ingranditori). Il dato della Prolattina andrebbe ricontrollato ripetendone il dosaggio magari facendo una curva della prolattina (più dosaggi seriati nell'arco di 60-120 minuti). Approfondirei anche il dato del testosterone dosando anche il testosterone libero che è la componente biologicamente attiva. Ripetrei l'esame del iquido seminale con spermiocoltura ma non prima di 3-4 mesi dall'intervento di correzione del varicocele in quanto la concentrazione spermatica è bassa così come gli indici di mobilità e morfologia (ma queste sono alterazioni abbastanza comuni nei giovani con varicocele importante, se non fraintendo lei aveva un varicocele di grado 3 clinico).
Mi tenga informato.
Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

indubbiamente il suo liquido seminale ( penso però che lei ne abbia fatti altri prima dell'intervento) mostra dei problemi di concentrazione e motilità abbastanza rilevanti tanto da sospettare che tale liquido seminale possa essere capace di fecondare una donna che stia bene.
Esistono anche dei problemi ormonali che dovrebbero essere chiariti ( ripetizione della Prolattina, Testosterone Libero.....) per capire se possano essere elemento di "disturbo" per la sua spermatogenesi al di là del varicocele. Forse, con il senno del poi, avrei chiarito gli aspetti ormonali prima di considerare la correzione del varicocele.
Se il suo specialista è un andrologo o urologo dedicato alla fertilità e non un "semplice" microchirurgo chieda a lui di chiarire i problemi ormonali
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 839XXX

Iscritto dal 2008
Gentili dottori grazie per la risposta.
Allora di spermiogramma è stato l'unico che ho eseguito prima dell'intervento e mi è stato riferito che il risultato pessimo dello spermiogramma era quasi sicuramente dovuto al varicocele di stadio 3.
La correzione del varicocele pensate mi porti ad un futuro migliore riguardo la mia capacità di essere padre? Riguardo agli esami ormonali il prelievo è stato eseguito la mattina successiva all'intervento di varicocelectomia e ricordo di aver eseguito l'anestesia totale se questo può essere significativo. Ora avendomi detto Urologo e Andrologo che mi seguono di stare tranquillo come mi consigliate di comportarmi? Per la Prl mi hanno detto che il valore era nella norma quasi e il valore del testosterone eventualmente corregibile tramite gel (se nuovamente alterato nel controllo tra 1 mese). Cosa ne pensate di questi interventi? Questi tipi di gel sono da applicare per tutta la vita o solo per un periodo? Ci sono inteventi più specifici? In base alla storia che vi ho riportato secondo voi ci sono dei problemi gravi?

Vi ringrazio in anticipo per le risposte e per la Vostra cordialità.
Attendo risposta, distinti saluti. Andrea
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

il gel è fornisce testosterone ad un organismo che ne ha poco o ne produce poco.
Non è una terapia !!
Senta il parere di un andrologo
cari saluti
[#5] dopo  
Utente 839XXX

Iscritto dal 2008
Gentili dottori ma il mio problema ormonale da cosa può essere dovuto?